Il molo di Pizzo Calabro spezzato in due dal maltempo

Si registrano anche ritardi significativi nella circolazione ferroviaria nella tratta Reggio Calabria - Lamerzia Terme
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

REGGIO CALABRIA – A causa delle forti mareggiate che da diverse ore stanno interessando tutto il litorale tirrenico della Calabria, ha ceduto il molo di Pizzo Calabro (VV), spezzatosi nella parte finale. Non si sono registrati ulteriori danni in quanto l’area era stata chiusa e inibita al passaggio, perche’ gia’ danneggiata da precedenti mareggiate.

La Protezione Civile calabrese sta monitorando costantemente la situazione metereologica lungo la strada SS 18 tirrenica, segnalando ulteriori forti mareggiate ad un tratto del lungomare del Comune di Nocera Terinese (CZ), con innalzamento del livello delle acque di oltre un metro rispetto al piano di campagna e conseguente allagamento dei piani terra abitativi.

RITARDI SIGNIFICATIVI NELLA CIRCOLAZIONE FERROVIARIA

Circolazione ferroviaria rallentata, con ritardi fino a 50 minuti, lungo la direttrice Tirrenica, fra Reggio Calabria e Lamezia Terme, a causa dell’eccezionale ondata di maltempo che sta interessando la Calabria. Lo comunica Rfi. Le forti mareggiate hanno danneggiato impianti e infrastruttura ferroviaria in piu’ punti, fra Cannitello e Bagnara, Rosarno e Mileto, Mileto e Vibo Pizzo e nella stazione di Gioia Tauro. Riprogrammato, con riduzioni nell’offerta di trasporto, il servizio ferroviario da Reggio Calabria a Rosarno, in attesa dell’evolversi delle condizioni meteo.

I tecnici di Rete ferroviaria italiana (gruppo Fs Italiane) sono al lavoro per verificare le condizioni dell’infrastruttura e ripristinare le normali condizioni di circolazione.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

23 Dicembre 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»