Ex Ilva, operai dell’indotto penalizzati in busta paga

I sindacati chiedono al presidente della Regione Puglia e al sindaco di Taranto: "siete ancora dalla parte dei lavorator?"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BARI – I segretari tarantini di Fiom, Fillea e Filcams Cgil hanno inviato una lettera al presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano e al sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci per chiedere “se ancora sono dalla parte dei lavoratori“.

Si riferiscono agli autotrasportatori dell’indotto, gli stessi che per poco meno dieci giorni hanno presidiato i cancelli della fabbrica in attesa del saldo delle fatture. Pagamento che e’ arrivato – confermano Francesco Bardinella (Fillea) Giuseppe Romano (Fiom) e Paola Fresi (Filcams) – ma con le buste paga che vedono gli “effetti di quel blocco”, trasformato in “giornate di assenza involontaria trasformate in cassa integrazione, in permessi o ferie mai richieste”.

A Emiliano e Melucci i sindacati chiedono di schierarsi “ancora una volta dalla parte di quegli operai che dopo essere stati usati come pedine di scambio e ostaggi oggi vedono un affronto nelle loro buste paghe”.

“Capitolo a parte – continuano – meriterebbero le scuse adottate da alcune imprese che hanno deciso di non pagare la tredicesima mensilita’, a cui molte famiglie facevano riferimento per le imminenti festivita’ natalizie”. “Questo atteggiamento e quelle buste paga dicono, ancora una volta se mai ce ne fosse bisogno, che i diritti di tutti valgono, ma quelli dei lavoratori un po’ meno. Attendiamo risposte”, concludono.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

23 Dicembre 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»