Campania, gli studenti viaggiano gratis

Grazie a uno stanziamento di 15,6 milioni da parte della Regione Campania, dal 1° giugno 2016 gli studenti fino a 26 anni potranno andare a scuola gratis
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
ROMA – Grazie a uno stanziamento di 15,6 milioni da parte della Regione Campania, dal 1° giugno 2016 (per evitare sperequazione con chi ha già sottoscritto un abbonamento annuale a settembre 2015) gli studenti fino a 26 anni che utilizzano i mezzi del trasporto pubblico con abbonamento annuale, potranno presentare domanda per andare a scuola gratis.
studenti_autobus
Per ottenere l’abbonamento gratuito – che non ha precedenti in Campania – sarà sufficiente presentare presso gli sportelli del consorzio UnicoCampania: o il certificato di residenza e di iscrizione a scuola o all’università (dato che la Regione finanzierà l’abbonamento per il tragitto da casa a scuola/università); o il modello ISEE (indicatore della situazione economica equivalente) del nucleo familiare: sono ammessi al beneficio tutti gli studenti il cui reddito ISEE familiare sia inferiore a 35.000 euro, che corrisponde mediamente ad un reddito lordo familiare di circa 100.000 euro.

Si tratta della quasi totalità della popolazione scolastica, ossia circa il 95%. Restano in ogni caso attive tutte le altre agevolazioni e gli sconti già previsti per gli altri studenti, le categorie disagiate e le forze dell’ordine (per la prima volta includendo anche i vigili del fuoco).

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»