Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Niccolò Fabi: a maggio 2016 parte il nuovo tour

Il cantautore romano ha annunciato sul suo profilo Facebook il nuovo tour teatrale nelle principali città italiane
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
ROMA – Nuovo tour e nuove canzoni nel futuro imminente di Niccolò Fabi. Dopo i grandi riconoscimenti per il suo ultimo disco solista “Ecco” e dal successo del progetto del trio FabiSilvestriGazzè, il cantautore romano continua a rinnovarsi, mettendosi in gioco ma restando sempre coerente e fedele a se stesso.

“Concerti e nuove canzoni”, così Niccolò Fabi, attualmente impegnato nella scrittura di nuove canzoni che potranno essere ascoltate nel 2016.

Niccolo_Fabi_fb
I biglietti del tour, organizzato da Barley Arts, per le date di Napoli, Roma, Milano, Bologna e Torino sono disponibili in prevendita sul circuito TicketOne e a breve nei punti vendita Vivaticket, mentre i biglietti per la data di Verona saranno disponibili in prevendita dalle ore 15.00 di oggi, mercoledì 23 dicembre, sempre sul circuito TicketOne (online su www.ticketone.it e nei punti vendita).

Ecco i primi appuntamenti live confermati:

21 maggio – NAPOLI – Teatro Augusteo

22 maggio – ROMA – Auditorium Parco della Musica, Sala Santa Cecilia

23 maggio – MILANO – Auditorium di Milano

26 maggio – BOLOGNA – Auditorium Manzoni

27 maggio – TORINO – Teatro Colosseo

30 maggio – VERONA – Teatro Romano

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»