Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Cingolani contro Greta Thunberg: “Semplicistico parlare di ‘blablabla’, se tutti sono imbecilli…’

cingolani greta thunberg
"Il problema è un po’ più complicato del blablabla", dice il ministro della Transizione Ecologica
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Credo che se c’è qualcuno che non fa blablabla sono io. Greta l’ha detto a me ma anche agli altri attivisti che ci sono rimasti molto male. Quando uno dice che tutto il mondo è fatto da imbecilli poi deve farsi qualche domanda”. Il ministro della Transizione ecologica Roberto Cingolani, ospite a “The Breakfast Club” su Radio Capital, commenta le parole dell’attivista svedese Greta Thunberg.

E’ troppo semplicistico dire che tutti non stanno facendo nulla, ci sono sicuramente dei ritardi- aggiunge-. Questa è la più grande sfida che l’umanità si trova ad affrontare. Non ci sono libri o regole già scritte. Dal punto di vista dell’ambiente dobbiamo accelerare ma se fermiamo tutto subito ci saranno molte vittime dal punto di vista sociale. Il problema è un po’ più complicato del blablabla. Capisco la contestazione giovanile. Questi ragazzi sono fenomenali, hanno molte idee, ma dobbiamo dare lo spazio per proporle. Loro contestano e noi lavoriamo, ma io non apprezzo l’eccesso. Ci vuole sobrietà anche nella contestazione. E c’è stato un eccesso di semplificazione”.

LEGGI ANCHE: Greta Thunberg attacca: “La CoP26 è un fallimento”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»