Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Prima sindaca di Casablanca nominata anche ministra della Sanità, ma Rmili fa un passo indietro

rmili_sindaca casablanca-min
La prima donna a guidare una delle più importanti e affascinanti città del Marocco ha rinunciato al dicastero dopo una settimana dalla nomina
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – In Marocco c’è una donna troppo potente. Si chiama Nabila Rmili, è medico e ha lavorato nei pronto soccorso. Oggi ha 47 anni e due figli. Di lei si è scritto anche all’estero quando è divenuta la prima sindaca di Casablanca, una delle più importanti e affascinanti città del Marocco. Pochi giorni dopo l’elezione, a ottobre, è stata nominata anche ministra della Sanità: una promozione meritata per il ruolo già ricoperto da direttrice sanitaria regionale durante la pandemia di Covid-19, con prenotazioni digitali e “vaccinodromi”, secondo i suoi sostenitori; un incarico di troppo, insostenibile viste le responsabilità da prima cittadina, per i suoi detrattori. Sta di fatto che dopo una settimana lei si è dimessa e al suo posto è tornato il ministro precedente.

Non ha tenuto a livello nazionale l’alleanza laica e liberale che aveva permesso di sottrarre il governo di Casablanca e di altre città chiave a un partito vicino ai Fratelli musulmani? Possibile, ma difficile il punto sia questo. Secondo il settimanale Telquel, all’origine delle dimissioni di Rmili ci sarebbero alcune sue decisioni contestate, in particolare i licenziamenti di un ispettore generale del ministero, di alcuni dirigenti centrali e di un direttore responsabile delle trasfusioni di sangue per la regione di Casablanca.

I cambiamenti non sono però finiti qui. A dimettersi è stato intanto anche il marito di Rmili, deputato e amministratore, che era stato eletto vicepresidente comunale sempre a Casablanca appena dieci giorni prima. Continuano a cumulare incarichi nel governo nazionale e a livello locale, come peraltro la legge marocchina consente, sia Aziz Akhannouch che Fatima-Zahra Mansouri, sindaco e sindaca di Agadir e Marrakech.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»