Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Boccia a Catanzaro: “Con la famiglia Santelli bisogna solo scusarsi”

Lo dichiara alla Dire il ministro per gli Affari regionali e le Autonomie al termine della Conferenza Unificata e della Conferenza Stato-Regioni, presiedute oggi dalla sede della Regione Calabria
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

REGGIO CALABRIA – “Penso che con la famiglia di Jole Santelli bisogna solo scusarsi e ringraziare le sorelle, Roberta e Paola, per il lavoro eccezionale che Jole ha fatto in questi anni dentro le Istituzioni e in Regione Calabria. Sono venuto qui anche per ribadirlo”. Così alla Dire il ministro degli Affari regionali, Francesco Boccia, oggi in Calabria, in merito alle dichiarazioni del presidente della commissione parlamentare antimafia Nicola Morra (M5s).

LEGGI ANCHE: 

BOCCIA: “LA REGIONE CALABRIA MERITA UNA SANITÀ FORTE”

“Il senso principale di questa giornata è la vicinanza del governo nazionale alla regione Calabria”. Così il ministro per gli Affari regionali e le autonomie Francesco Boccia, al termine della Conferenza Stato-Regioni, che si è svolta oggi nella Cittadella di Catanzaro, sede della Regione Calabria. Ad affiancare il ministro, il presidente facente funzioni della giunta regionale Nino Spirlì.

“Ho ringraziato il presidente Spirlì per aver lavorato fianco a fianco con il governo e la Protezione civile per tutta la giornata di oggi: a Cosenza, a Crotone e a Catanzaro. La Regione Calabria, i calabresi- ha aggiunto Boccia- devono sapere che il governo c’è, e c’è su tutto: dall’emergenza sanitaria, che continueremo ad affrontare insieme con il sostegno delle forze armate, delle forze dell’ordine e di tutti i volontari, agli interventi strutturali”. “La Regione Calabria merita una sanità più forte. Bisognerà valutare- ha concluso il ministro- il rafforzamento delle strutture che sono state ridimensionate”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»