Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Coronavirus, Speranza firma l’ordinanza: “Stop agli allevamenti di visoni”

Il ministero della Salute segue il principio della massima precauzione per prevenire un'epidemia tra i visoni
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Il ministro della Salute, Roberto Speranza, ha firmato un’ordinanza che dispone la sospensione delle attivita’ degli allevamenti di visoni su tutto il territorio italiano fino alla fine del mese di febbraio 2021 quando verra’ effettuata una nuova valutazione sullo stato epidemiologico. La misura aggiunge l’infezione da SARS CoV-2 nei visoni d’allevamento all’elenco delle malattie infettive e diffusive degli animali soggette a provvedimenti sanitari secondo il ‘Regolamento di polizia veterinaria (D.P.R. 8 febbraio 1954, n. 320)’.

Pur essendo il numero degli allevamenti in Italia molto ridotto rispetto ad altri Paesi europei, spiega la nota del ministero, si e’ valutato di seguire il principio della massima precauzione in osservanza del parere espresso dal Consiglio Superiore di Sanita’.

Secondo l’ordinanza, in caso di sospetto di infezione, le autorita’ locali competenti dispongono il sequestro dell’allevamento, il blocco della movimentazione di animali, liquami, veicoli, attrezzature e l’avvio di una indagine epidemiologica. In caso di conferma della malattia, i visoni dell’allevamento sono sottoposti ad abbattimento.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»