Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Sardine, Borgonzoni le sfida: “Dicano che idee hanno per l’Emilia-Romagna”

Borgonzoni si augura che "vengano tutti a fare campagna elettorale in Emilia-Romagna, tutti i partiti e movimenti, non solo le sardine
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – “Sarebbe bello se queste piazze si trasformassero da contrarie a propositive, dicendo qual è la loro idea di Emilia-Romagna. Perché l’idea di una Regione non può essere solo contro”. Così Lucia Borgonzoni, candidata leghista del centrodestra alle prossime regionali, torna a parlare del movimento delle sardine, nato nelle piazze proprio per contrastare la presenza della Lega in Emilia-Romagna. Domani ci sarà una nuova manifestazione a Rimini e il leader del Carroccio Matteo Salvini nei giorni scorsi aveva lanciato la sfida: “Quasi quasi in piazza ci vado anch’io”.

Quindi domani a Rimini ci sarà davvero un passaggio in piazza per incontrare le sardine? “Non lo so”, taglia corto Borgonzoni, questa mattina a Bologna alla convention di Forza Italia per l’avvio della campagna elettorale. “Le piazze non si temono mai- aggiunge Borgonzoni- sono solo felice quando vengono riempite. Sicuramente in questo caso sono piazze che provengono dalla sinistra, che senza bandiere riescono ad andare tutti assieme, altrimenti non ci riuscirebbero. È diventato un catalizzatore. Se poi ci sono altri mi auguro che guardino il programma e scelgano su quello”.

In ogni caso, aggiunge Borgonzoni, “sarebbe bello se queste piazze si trasformassero da contrarie a propositive, dicendo qual è la loro idea di Emilia-Romagna. Perché l’idea di una Regione non può essere solo contro”. Anche perché “se vincesse questa coalizione che io rappresento, è perché le persone la votano. È la democrazia”.

Borgonzoni si augura che “vengano tutti a fare campagna elettorale in Emilia-Romagna, tutti i partiti e movimenti, non solo le sardine. Perché mi auguro che anche grazie a queste cose non vada a votare solo un 40% scarso di emiliano-romagnoli. È stato molto triste alle scorse regionali vedere un numero così basso di persone andare a votare”.

Della stessa idea è anche la capogruppo di Forza Italia in Senato, Anna Maria Bernini. “Noi le piazze le facciamo sempre ‘per’- sottolinea l’azzurra- ho visto piazze ‘contro’. In piazza Maggiore ad esempio questi banchi di sardine, erano contro di noi. Sarebbe molto bello se le loro piazze, che probabilmente sono indotte più dalla paura di perdere la Regione dopo 70 anni, fossero ‘per’ come lo sono le nostre”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»