Mai così tante vittime delle mine anti-persona in dieci anni

Sono aumentate del 75 per cento nell'arco di un solo anno. Segnalato anche un aumento del numero dei Paesi dove è certificata la presenza delle mine
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

2ce126b26fdfcab29fd6029e481743fbROMA – Sono aumentate del 75 per cento nell’arco di un solo anno le vittime delle mine anti-persona: lo rivela un rapporto pubblicato questa settimana dalla rete di ong International Compaign to Ban Landmines (Icbl).

Secondo lo studio, nel 2015 le persone uccise o ferite dall’esplosione degli ordigni sono state 6461, mai così tante dal 2006. Segnalato anche un aumento del numero dei Paesi dove è certificata la presenza delle mine. Dai 61 del 2014 si è passati ai 64 del 2015 con l’aggiunta di Nigeria, Mozambico e Palau. Secondo gli esperti di International Compaign to Ban Landmines, l’incremento delle vittime è dovuto soprattutto al protrarsi dei conflitti in Afghanistan, Iraq, Libia, Siria, Ucraina e Yemen.

A pesare sarebbe stato però anche un calo dei finanziamenti da parte dei Paesi firmatari del Trattato di Ottawa per la messa al bando delle mine anti-persona. Tra il 2014 e il 2015 i fondi sarebbero diminuiti del 25 per cento, scendendo al di sotto della soglia dei 400 milioni di dollari.

LEGGI ANCHE

Farnesina, ecco le nuove attività dell’Italia per lo sminamento umanitario

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»