NEWS:

A Bologna rischio crollo per la torre Garisenda: stop al traffico, monitoraggi in corso

A Bologna tre giorni fa è scattato l'allarme per la stabilità della torre Garisenda: sono partiti monitoraggi evia San Vitale è stata chiusa al traffico. I monitoraggi in atto diranno quale è la soluzione migliore da adottare

Pubblicato:23-10-2023 11:37
Ultimo aggiornamento:23-10-2023 19:47
Autore:

Due Torri Bologna
FacebookLinkedInXEmailWhatsApp

BOLOGNA – Chiusa al traffico via San Vitale sotto le Torri, chiusa la torre Asinelli, monitoraggi in corso e tanta preoccupazione: A Bologna da giorni si è diffusa molta agitazione per le condizioni della torre Garisenda, la più bassa delle celebri Due torri che sono il simbolo della città: si starebbe sempre più inclinando, al limite della sicurezza. Sabato, dopo la convulsa giorntaa di venerdì in cui è scattato l’allarme, è stata avviata una serie di monitoraggi che proseguiranno per tutta la settimana. Lo stop al traffico serve ad evitare le vibrazioni che i veicoli provocano e che, in una situazione già compromessa, non sono opportune. Oggi, in tarda mattinata, si troveranno a discutere della situazione i capigruppo alla presenza del sindaco Matteo Lepore.

LEGGI ANCHE: La Torre Garisenda inclinata a Bologna, il sindaco: “Al momento non ci sono rischi, pende da secoli”

LA DECISIONE DOPO IL COMITATO PER L’ORDINE PUBBLICO

È stato proprio il sindaco a prendere la decisione, insieme al Comitato per l’ordine pubblico, di sottoporre la Garisenda a nuovi controlli. Per poter effettuare i rilievi, da sabato mattina è stato chiuso alla circolazione e perimetrato il tratto di via San Vitale, da via Zamboni a via Rizzoli. La chiusura di Piazza di Porta Ravegnana verrà prorogata fino al prossimo 27 ottobre. Saranno autorizzati a transitare in via Ugo Bassi e via Rizzoli, nella sola direzione verso piazza di Porta Ravegnana, per raggiungere passi carrabili e posti auto su strada, i residenti delle vie: Strada Maggiore, nel tratto da piazza di Porta Ravegnana a piazza Aldrovandi e piazza della Mercanzia; via Caprarie; via Calzolerie; via Castiglione, tratto da piazza della Mercanzia a via Farini; via De’ Pepoli; piazza del Francia; via Castel Tialto; via Dal Luzzo; via Santo Stefano, tratto da piazza della Mercanzia a vicolo Alemagna; vicolo Alemagna.


FRATELLI D’ITALIA ALL’ATTACCO

Sulla Garisenda “si teme il peggio”. A puntare il dito è Stefano Cavedagna, capogruppo Fdi in Consiglio comunale. “Sono anni che Fratelli d’Italia chiede delucidazioni sulla Garisenda e o non ci vengono date risposte o si millanta tranquillità. Emerge oggi invece che la situazione è ben più preoccupante di quel che diceva Lepore”. Qundi, prosegue, “o il sindaco non sapeva, cosa grave, o non ha informato i cittadini, cosa forse peggiore”. Il capogrupopo di Fratelli d’Italia è allarmato dalla scelta dell’amministrazione di “bloccare le strade e circondare la torre”, mosse fatte in fretta e furia che “lasciano presagire il peggio”. Quanti ai dati sull’inclinazione della torre, “l’ultima risale al 2011, prima del terremoto, ed era già preoccupante. Il peso della struttura inclinata ha già schiacciato i blocchi di selenite alla base”. Ecco perchè, secondo Cavedagna, “per la Garisenda ci vuole da tempo una cura decisa, simile a quella della Torre di Pisa, riportandola il più possibile in posizione eretta. Lepore dica tutta la verità alla città, invece di terrorizzarla”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it