fbpx

Tg Lazio, edizione del 23 ottobre 2020

– IN ARRIVO TEST RAPIDI DAI MEDICI, PREOCCUPANO CASI COVID A LATINA

Presto oltre trecento medici di famiglia che hanno aderito al bando regionale potranno eseguire gratuitamente i tamponi rapidi antigenici nei loro studi. E’ una delle novità annunciate oggi dall’assessore regionale alla Sanità, Alessio D’Amato, che sta lavorando per consentire che lo stesso servizio avvenga anche nelle farmacie. Intanto preoccupa l’escalation di contagi a Latina e provincia, che ha toccato quota 126 nuovi positivi. Dati che preoccupano e hanno imposto un vertice tra il prefetto Maurizio Falco, il sindaco Damiano Coletta, il direttore generale della Asl Giorgio Casati e il Questore Michele Spina. “Dobbiamo alzare il livello di attenzione per evitare il collasso del sistema sanitario” ha sottolineato Casati.

– ROMA, DOPO STOP MOVIDA IN ARRIVO ORDINANZA ANTI-MINIMARKET

Oltre l’ordinanza sulla chiusura delle piazze della movida, il Campidoglio è al lavoro su un provvedimento anti-minimarket, che prevede il divieto della vendita di alcolici nei giorni di venerdì e sabato dalle 21 alle 7. La misura, spiegano dal Campidoglio, è necessaria per limitare il rischio dei contagi dovuti ad assembramenti. Rispetto alla consumazione e somministrazione all’interno dei locali varranno le regole del Dpcm: si può consumare al tavolo fino alle 24, mentre è vietato dalle 18 in poi.

– ROMA, PIANTATO ABETE PER STEFANO CUCCHI DI FRONTE TRIBUNALE

Un abete piantato proprio davanti a una delle sedi del Tribunale di Roma, in via Lepanto, e una targa con la scritta “Stefano Cucchi, ragazzo. Dignita’, giustizia, diritti”. Così il I Municipio ha ricordato Stefano Cucchi nell’undicesimo anniversario della sua morte, avvenuta il 22 ottobre del 2009. L’albero e’ stato piantumato dalla sorella Ilaria Cucchi e dal presidente del I Municipio, Sabrina Alfonsi. “E’ stato un momento emozionante- ha detto Ilaria- E’ significativo che questo albero sia stato piantato davanti al Tribunale: mio fratello Stefano moriva, infatti, di giustizia, che ci ha costretto ad anni di processi sbagliati e che ora ci sta dimostrando che puo’ essere davvero giusta e uguale per tutti”.

– NOMADI, CAMPIDOGLIO: VERSO CHIUSURA CAMPI BARBUTA E MONACHINA

Prosegue il percorso per il superamento graduale dei campi rom sul territorio capitolino, fino alla loro chiusura. Il Campidoglio ha fatto sapere oggi che sono in fase avanzata gli interventi per i campi la Barbuta e Monachina. Nel primo risultato presenti 191 persone, ma erano 656 all’inizio del percorso nel 2018, mentre alla Monachina ce ne sono 56, anziché il doppio come in origine. “Il piano sta garantendo notevoli miglioramenti anche in termini di sicurezza, a partire da un progressivo abbattimento dei roghi tossici- ha spiegato il delegato alla Sicurezza di Roma Capitale Marco Cardilli- Sicurezza, legalita’ e protezione sociale procedono di pari passo”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Guarda anche:

23 Ottobre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»