Dpi, funerali e sanificazioni: ecco gli affari della mafia al tempo del coronavirus

L'allarme della Dda di Milano: "Il pericolo di ulteriore avanzata della 'ndrangheta e' quanto mai elevato" | Di Maria Laura Iazzetti
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

MILANO – Dispositivi di sicurezza, servizi funebri, sanificazione. Sono questi i nuovi ambiti in cui la criminalita’ organizzata si sta espandendo, sfruttando l’emergenza sanitaria. A denunciarlo e’ Alessandra Dolci, Procuratore capo della direzione distrettuale Antimafia di Milano, durante il seminario organizzato dall’Assemblea legislativa dell’Emilia-Romagna nell’ambito del progetto ‘Concittadini’.

Spiega Dolci: “Gia’ durante i primi mesi della pandemia i nostri indagati orientavano i propri interessi dai traffici di stupefacenti ai tentativi di accaparramento dei presidi sanitari. Fin dall’inizio si attivavano per recuperare scorte di mascherine dalla Cina e immetterle sul mercato italiano”.

Le cosche mafiose hanno approfittato dello stato di emergenza determinato dall’evolversi della situazione epidemiologica. “Il loro obiettivo principale- continua Dolci- e’ stato accedere ai diversi finanziamenti previsti dalla legislazione. Uno dei miei indagati ha rilevato una quindicina di societa’ per poter poi chiedere prestiti da 25mila euro per ciascuna di queste piccole aziende. E’ riuscito ad accaparrarsi una somma intorno ai 300mila euro”.

Il Decreto liquidita’ varato ad aprile, vista la situazione particolare, ha previsto controlli a posteriori sulle aziende che beneficiano degli investimenti, soprattutto per quelli meno ingenti. Il Procuratore Dolci e’ convinta che non fosse possibile agire diversamente: “Condivido l’urgenza di dover sostenere le imprese. Ora, pero’, stara’ all’autorita’ giudiziaria, alle forze di polizia e ai cittadini esercitare, anche se a posteriori, una forma di controllo”.

Un criterio che dovra’ essere attuato anche nei confronti del decreto semplificazione. “Le deroghe alle normali procedure di assegnazione degli appalti attireranno gli appetiti della criminalita’ organizzata“, sentenzia Dolci. E’ richiesto, quindi, un impegno costante da parte di tutte le realta’ sociali affinche’ “siano disvelati quegli episodi in cui i soldi pubblici vanno a favore della criminalita’ organizzata”.

Conclude Dolci: “Il pericolo di ulteriore avanzata della ‘ndrangheta e’ quanto mai elevato“.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

23 Ottobre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»