Bonaccini: “La scuola continua in presenza ma siamo pronti a cambiare”

"Ogni giorno facciamo riunioni", spiega il governatore dell'Emilia-Romagna. "Vorrei che i ragazzi potessero andare avanti in presenza i più possibile, ma la situazione preoccupa"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

BOLOGNA – Stefano Bonaccini non esclude una stretta anche sulle scuole, con un possibile incremento delle didattica online. “Si sta lavorando insieme per cercare di garantire più presenza a scuola possibile, ma viviamo nel mondo reale e dobbiamo essere tutti pronti a fare scelte per ridurre il contagio il più possibile”, ha detto stamane il presidente dell’Emilia-Romagna e della conferenza delle Regioni, intervistato a Omnibus, su La7.

LEGGI ANCHE: M5s: “Da scuola sforzi enormi, ora non si chiuda per errori e ritardi Regioni”. Convocati De Micheli e Bonaccini

“Io penso che la scuola sia meglio farla in presenza, perché non è solo apprendimento ma anche socialità”, premette Bonaccini. L’altro giorno con Regioni e Governo “abbiamo assunto insieme una decisione, cioè elementari e medie assolutamente in presenza e per le superiori, soprattutto le ultime classi, la possibilità, laddove dovesse aumentare il contagio, di due alternative: o aumentare la didattica a distanza o differenziare gli orari per avere meno studenti che entrano ed escono da scuola contemporaneamente” con l’obiettivo di sgravare il trasporto pubblico.

“Io- sottolinea ancora il dem- in questa regione non ho ancora preso provvedimenti perché vorrei cercare di fare andare gli studenti il più possibile a scuola in presenza, ma facciamo ogni giorno riunioni per capire se non sia il caso” di intervenire con l’una o l’altra soluzione.

LEGGI ANCHE: Bonaccini: “In Emilia-Romagna il coprifuoco non è necessario”

In generale, afferma ancora Bonaccini nel corso dell’intervista, “sta crescendo, meno che in tutta Europa ma sta crescendo anche qui, una situazione che preoccupa. Quindi, siccome non possiamo permetterci un nuovo lockdown generale e totale, bisogna sapere selezionare tra quelle attività che sono indispensabili e quelle che possono essere un po’ meno indispensabili, sulle quali provare a prendere decisioni, o tutti insieme o per parti di territori”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

23 Ottobre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»