Giornale radio sociale, edizione del 23 ottobre 2020

SOCIETA’ – Decisione iniqua e incomprensibile. È quella di vietare le visite dei parenti in ogni struttura d’accoglienza, contenuta nell’ordinanza regionale della Lombardia. La dura critica al provvedimento viene dal Forum Terzo Settore del territorio e da Ledha. Una situazione che costringe le persone che vivono nelle Rsa, le residenze sanitarie assistenziali o nelle Rsd, Residenze sanitarie per persone disabili, a un isolamento totale.

SPORT – A che gioco stiamo giocando? Parte dal Csi di Reggio Calabria la denuncia per la mancata tutela dei ragazzi residenti nei quartieri difficili della città calabresi. Il servizio di Elena Fiorani.

Gli oratori e i campetti sono chiusi e alcuni bambini giocano nelle sale delle slot machine, rimaste aperte perché non sarebbero fonte di contagio. Il Centro sportivo italiano di Reggio Calabria denuncia la
grave situazione dei ragazzi che, non avendo accesso alle attività ludiche e motorie, sarebbero maggiormente esposti alle devianze e alla solitudine. Il campetto, la strada, la piazza sono off–limits, mentre le sale slot rimangono aperte, come se ci fosse una promiscuità da punire, ed una invece, concessa. “Gli strumenti ci sono, basta cercarli – dice il presidente del Csi Reggio Calabria, Paolo Cicciù – . Durante i mesi del lockdown, abbiamo elaborato una proposta di Sport di Comunità che facesse rivivere i cortili. Crediamo che la modellizzazione di quella esperienza possa evitare che le strade dei quartieri si svuotino andando ad allargare la platea di sale slot e piazze di spaccio”.

ECONOMIA – Traguardo lontano. “Se manteniamo questi trend, non raggiungeremo mai l’obiettivo ‘Fame zero’ entro il 2030”. A lanciare l’allarme è Simone Garroni, direttore generale di Azione contro la fame, organizzazione impegnata da 40 anni nella lotta contro l’insicurezza alimentare nel mondo. L’occasione dell’intervento è stato un ciclo di webinar dal titolo ‘Obiettivi di sviluppo del millennio, a che punto siamo?’

DIRITTI – Coprifuoco sotto le stelle. Ora che sarà vietato uscire di casa di notte, “bisogna pensare a chi di notte in strada ci dorme”. Lo ha detto Alberto Sinigallia, presidente della Fondazione Progetto Arca che si occupa delle persone senza dimora a Milano, Roma e Napoli. “Sono tre situazioni molto diverse tra loro. Ma quel che ci preme – ha detto – , come durante il lockdown, è che non ci si dimentichi degli invisibili delle nostre città”. “E mi auguro – ci tiene a precisare Sinigallia sulle pagine di Redattore Sociale – che non vengano multati i senza dimora, visto che sono previste possibili sanzioni da 400 a mille euro”.

CULTURA – Le voci dell’accoglienza. Raccontare le vicende di chi sta affrontando l’emergenza Covid nei servizi sociali, a fianco delle persone in difficoltà. È lo spirito del ciclo di 10 podcast ideato dal coordinamento nazionale delle comunità d’accoglienza e realizzato dall’agenzia Be Open. Le prime trasmissioni disponibili on line sono dedicate a tre associazioni a Milano, Roma e Catania.

INTERNAZIONALE – #PledgetoPause. È il nome della campagna globale lanciata in rete dalle Nazioni Unite per contrastare la disinformazione, invitando alla cautela e alla riflessione prima di condividere contenuti online. Secondo il segretario generale ONU, António Guterres,”durante la pandemia del Covid-19, un’informazione sbagliata può essere letale”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Guarda anche:

23 Ottobre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»