Scontro tifoserie Rionero-Melfi, 18 nuovi Daspo

I fatti risalgono al 19 gennaio scorso e portarono alla morte di Fabio Tucciariello supporter del Rionero
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

POTENZA – Ci sono altri soggetti responsabili, a diverso titolo, degli scontri, il 19 gennaio scorso, tra le tifoserie opposte delle squadre di calcio del Rionero in Vulture e del Melfi, entrambe militanti nel campionato di Eccellenza lucana Figc, e che portarono alla morte di Fabio Tucciariello supporter del Rionero.

LEGGI ANCHEMorte del tifoso del Vultur Rionero, “agguato sviluppato con violenza tribale”

Al termine di un’articolata istruttoria effettuata dalla locale Divisione Anticrimine, il questore di Potenza ha emesso il provvedimento di D.A.Spo. a carico di 18 ultras del Rionero in Vulture, per una durata da 2 a 8 anni, modulato a seconda della gravità del contributo personale apportato da ciascuno all’azione violenta. Ieri le misure sono state convalidate dal gip del Tribunale di Potenza. Vista la gravità dei fatti, il questore ha ritenuto di accompagnare i provvedimenti di divieto di partecipazione agli eventi sportivi con la misura dell’obbligo di firma due volte al giorno in occasione di tutti gli incontri del Rionero in Vulture.

In due casi le misure applicate hanno riguardato soggetti già destinatari di precedenti D.A.Spo. Secondo la questura i 18 ultras sottoposti a D.A.Spo. “si sono resi parte attiva con inaudita violenza” negli scontri con l’opposta tifoseria.

LEGGI ANCHE: Aggressione ai tifosi del Melfi, quattro arresti

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»