‘Mascherine efficaci solo in parte’: i risultati di una ricerca giapponese

In cotone riduce l'assorbimento fino al 40%, con la maschera N95 fino al 90%
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Un gruppo di ricercatori giapponesi dell’Università di Tokyo hanno condotto uno studio sul grado di protezione offerto dalle maschere contro dal CoViD-19, dimostrando l’efficacia, ma solamente parziale, di questo strumento di protezione. Dopo aver realizzato una camera sicura con teste di manichini poste una di fronte all’altra, di cui una, dotata di nebulizzatore, simulava tosse ed espelleva particelle di coronavirus reali e l’altra imitava la respirazione naturale, con una camera di raccolta per i virus che attraversavano le vie aeree, gli scienziati hanno rilevato come la maschera di cotone riduca l’assorbimento dei virus fino al 40%, mentre la maschera N95, utilizzata dal personale medico, sarebbe in grado di bloccare fino al 90% dei virus.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»