Baldassarre (Idea) e Vizziello (Fdi) su nomine Cicala: “Nessun criterio valutativo nelle assegnazioni”

Sarebbero stati scelti su indicazione dei due maggiori partiti della coalizione di centrodestra: Lega e Forza Italia"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

POTENZA – “Avevamo provato a dispensare dei consigli che ritenevamo fossero necessari per agire con buon senso e provare ad operare in modo differente rispetto al passato. Evidentemente non c’è peggior sordo di chi non vuol sentire”. È quanto affermano Vincenzo Baldassarre, consigliere regionale di Idea e vicepresidente del Consiglio regionale, e Giovanni Vizziello, consigliere segretario ed esponente di Fratelli d’Italia, sulle nomine degli organismi regionali e sub-regionali effettuate dal presidente del Consiglio regionale Carmine Cicala (Lega).

I consiglieri dichiarano di non condividere “né i modi e né i metodi che sono stati attuati”, precisando che non vi è “nulla di personale” rispetto alle nomine ma che molti sono stati scelti “senza nessun criterio valutativo dei curricula né di competenze circa il ruolo che occuperanno, ma solo ed esclusivamente su indicazione dei due maggiori partiti della coalizione di centrodestra: Lega e Forza Italia”.

Baldassarre e Vizziello ribadiscono di non essere interessati a “filiere di partito, né ad avere servitori sciocchi e né tantomeno trovare occupazione a qualche eccellente disoccupato.

Soprattutto – concludono – quando questo ha a che fare con il danaro pubblico, con la gestione della cosa pubblica, con la governance della Basilicata e con il cambiamento che abbiamo garantito ai lucani di attuare”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»