VIDEO | Chiusura Studio radiologico Siderno, la protesta dei dipendenti

Non ricevono lo stipendio da marzo. Atteggiamento incredibile quello della Asp di Reggio Calabria per i manifestanti
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

REGGIO CALABRIA – “E’ una crisi inspiegabile. A fronte di una indagine della magistratura che ha avuto come conseguenza già un dissequestro cautelativo di 4 milioni e 25mila euro si è aggiunto, su questa sgradevole vicenda che rispettiamo perché l’azione della magistratura tende a scavare a trovare la verità, un atteggiamento incredibile da parte della Asp di Reggio Calabria che ha smesso di corrispondere i pagamenti delle fatture per i mesi che vanno da marzo fino ad oggi“. Così alla Dire il medico-anestesista Isidoro Napoli dello Studio radiologico di Siderno, oggi a Reggio Calabria al presidio dei dipendenti dell’istituto di fronte la Prefettura.”La cosa che mi va di sottolineare, perché lo ritengo un fatto straordinario, è l’impegno – ha aggiunto Napoli – dei lavoratori della struttura: madri e padri di famiglia, che in questi quattro mesi, nonostante non ricevano lo stipendio, hanno continuato a mantenere in perfetto ordine l’istituto, senza fare avvertire ai pazienti alcun disagio.

Oggi abbiamo effettuato la prima vera protesta, sospendendo l’attività lavorativa – ha detto il medico – ma per evitare che questo ricada come disagio sui pazienti che erano già programmati, abbiamo deciso di lavorare domenica e recuperare quanto non faremo oggi”.

Napoli auspica perciò “che il senso di responsabilità che caratterizza questi 100 lavoratori fosse avvertito anche da chi ha il dovere istituzionale di essere responsabile, così come prevede la Costituzione per ognuno che occupa un posto pubblico”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»