Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Uganda, Titti Andriani: “223 donne per la prima giornata di screening”

La presidente di Afron Oncologia per l'Africa onlus ha spiegato le azioni dell'associazione e il metodo seguito per questi progetti
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

GULU (UGANDA) – “Sono state 233 le donne visitate” durante la giornata di apertura della campagna di screening di Afron al Lacor Hospital di Gulu. “Siamo riusciti a visitarle tutte con 4 squadre di infermiere, ostetriche e grazie alla nostra ginecologa Sabina Luciani”. E’ Titti Andriani, presidente di Afron Oncologia per l’Africa onlus che, all’agenzia Dire, ieri, al termine della seconda giornata di visite questa volta nel villaggio di Amuru, dove gia’ nelle prime ore del pomeriggio si erano registrate oltre 100 donne, ha spiegato le azioni di Afron e il metodo seguito per questi progetti. 

“I prossimi tre giorni- ha annunciato- la campagna si sposta nei villaggi ed e’ questa una strategia fondamentale per Afron”. Le distanze, le strade, la mancanza di mezzi e di risorse per potersi spostare pregiudica molto la cura della popolazione ugandese, specialmente di alcune aree. “Anche 5 mila scellini, l’equivalente di 1 euro e mezzo, per potersi spostare non e’ spesso possibile. Per questo ci siamo mossi con nostri mezzi, portando materiale e personale e- ha ricordato la Presidente di Afron- abbiamo allertato la popolazione attraverso la radio”. 

Oltre a visite ginecologiche, senologiche e Via test, Afron punta a trasmettere una cultura della prevenzione anche ai giovanissimi. E’ questa l’anima di progetti come Able Plus che l’associazione promuove per le donne ugandesi, grazie al supporto della Chiesa Valdese. Non solo camici bianchi quindi nei villaggi, ma anche testimonianze di survivor con le UWOCASO, brochure informative, lezioni ‘aperte’ di prevenzione primaria che le centinaia di donne in attesa ascoltano mentre attendono il loro turno per la visita.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»