Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Dl imprese in Senato, il governo mette la fiducia. Passa con 168 sì (110 i contrari)

In aula la protesta con cartelli di Fdi. E anche la Lega attacca: "Per le loro beghe interne, i 5 stelle distruggono i lavoratori e anche il patrimonio turistico"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA -L’Aula del Senato ha votato la fiducia al decreto salva-imprese: 168 voti favorevoli, 110 contrari, nessun astenuto. La fiducia riguardava il maxiemendamento al decreto legge recante disposizioni urgenti per la tutela del lavoro e per la risoluzione di crisi aziendali.

A comunicarlo all’aula di palazzo Madama, stamattina, era stato il ministro per i Rapporti con il parlamento Federico D’Incà, spiegando che era stato presentato un maximendamento al dl imprese interamente sostitutivo uguale al testo uscito dalle commissioni di merito.

Dopo la conferenza dei capigruppo di palazzo Madama, la discussione generale è iniziata nell’aula del Senato. Dopo le dichiarazioni di voto, ci sono state le operazioni di ‘chiama’ dei senatori. Alla fine il sì ha ottenuto 168 voti.

FDI MOSTRA CARTELLI IN SENATO: MAI CON PD E M5S

“Mai col Pd, Mai coi 5 stelle”. Con questi cartelli i senatori di Fratelli d’Italia hanno protestato in Aula durante le dichiarazioni di voto al decreto salva imprese. La protesta è avvenuta durante l’intervento di Stefano Bertacco che ha annunciato il voto contrario del gruppo alla fiducia posta dal governo. “Ad un cartello non si risponde con un cartello, ma con qualche espulsione”, ha ironizzato il presidente di turno Roberto Calderoli.

LEGA: PER BEGHE 5S AMMAZZANO AZIENDE E PATRIMONIO TURISTICO

“Non solo i lavoratori ma anche il patrimonio turistico internazionale è sacrificato per non fare cadere a pezzi il Movimento 5 Stelle. Le loro beghe interne, i loro equilibri indirizzano i provvedimenti del Governo, come Whirpool, come Ilva, come gli ostelli. È vergognoso che l’attaccamento alla poltrona valga davvero tutto questo. Siamo schifati, non si era mai arrivati a un punto così basso. Il governo giallorosso oggi ha scelto di infliggere un colpo mortale all’Associazione Italiana Alberghi della Gioventù e quindi al turismo italiano. Fermiamo al più presto questa sciagurata esperienza di governo. Distruggono tutto ciò che toccano”. Così Gian Marco Centinaio senatore leghista già ministro del turismo.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»