Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Arianna e Chiara, a Fiumicino prima unione civile tra due donne

Prima unione civile tra due donne nel Comune governato dal marito di Monica Cirinnà, la senatrice Pd che ha dato il nome alla legge sulle unioni civili
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

gay_unioni_civiliROMA  – Camicia bianca, jeans e cravatta ‘arcobaleno’. Emozionatissime. Arianna e Chiara questa mattina nella sala matrimoni del Comune di Fiumicino hanno finalmente coronato la loro lunga storia d’amore. Un piccolo record: è la prima unione civile tra due donne nel Comune governato dal marito di Monica Cirinnà, la senatrice Pd che ha dato il nome alla legge sulle unioni civili. A celebrare l’evento il presidente del consiglio comunale, Michela Califano. A raccontarlo è una nota del Comune.

“Sono davvero felice che Arianna e Chiara abbiano scelto me per poter celebrare la loro unione- dice Michela Califano- Mi lega un’amicizia profonda e sincera. Le conosco da tempo, so quanto siano innamorate e da quanto attendano questo momento che grazie alla legge Cirinnà oggi possono coronare. Finalmente con questo provvedimento abbiamo colmato un vuoto legislativo. Sui diritti civili non siamo più un fanalino di coda”.

LEGGI ANCHE

Unioni civili, come si celebrano? A Bologna il corso è preso d’assalto

Festa a Fontana di Trevi per le unioni civili, Boschi madrina dei diritti Lgbt

Le unioni civili sono legge, storico sì alla Camera

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»