Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Unicusano riparte, al via l’anno accademico 2021-2022

unicusano
Nell'ateneo ricominciano le lezioni in presenza
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Attesa, controlli e poi la ripartenza. L’università degli studi Niccolò Cusano riapre le porte agli studenti in occasione del nuovo anno accademico 2021-2022. Le lezioni, dopo mesi di didattica a distanza, tornano a svolgersi nelle aule dell’ateneo. Il miglior modo per cominciare una nuova fase per l’università, che torna a riempirsi dei propri studenti. Nei loro occhi si registra entusiasmo e felicità. Anche la ripartenza dell’università poggerà sull’obbligo del Green Pass. Il certificato verde sarà necessario per docenti, studenti e ricercatori per svolgere tutte le attività in presenza, dalle lezioni agli esami. Coinvolti anche gli spazi verdi dell’ateneo. Dietro a tutto questo c’è un lavoro che parte dall’ingresso, con i primi controlli da parte della vigilanza.  Lo studente, dopo aver superato i primi controlli, può tranquillamente entrare all’interno dell’ateneo. Qui, per un ulteriore check, bisogna passare per la reception. Si riparte con le lezioni in presenza. Aule e banchi torneranno a essere occupati, lavagne riempite di scritte e corridoi affollati. Un rientro segnato dalla cura di ogni dettaglio, per la sicurezza e la salvaguardia dello studente.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»