Duplice omicidio a Lecce, sospettato un 37enne

Il 33enne arbitro salentino Daniele De Santis e la sua fidanzata di 3 anni piu' giovane, Eleonora Manta, sono stati uccisi a coltellate, lo scorso 21 settembre
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

BARI – Sono in corso gli esami autoptici sui corpi del 33enne arbitro salentino Daniele De Santis e sulla sua fidanzata di 3 anni piu’ giovane, Eleonora Manta, uccisi a coltellate, lo scorso 21 settembre, in una palazzina di via Montello a Lecce. A eseguire l’autopsia e’ il medico legale Roberto Vaglio. L’esito dell’esame sara’ utile a chiarire quanto accaduto. I carabinieri, al momento, non hanno escluso alcuna pista tra cui quella passionale. Secondo quanto ricostruito finora dalle indagini coordinate dalla procura salentina, un uomo incappucciato avrebbe piu’ volte colpito le vittime per poi fuggire di corsa dal luogo del delitto. Alcuni testimoni, tra cui i vicini di casa, hanno riferito agli inquirenti non solo di aver sentito molto trambusto provenire dall’abitazione ma anche le urla della donna che pronunciava il nome di un uomo. Il corpo della 30enne e’ stato trovato in casa riverso sul pavimento, mentre quello del 33enne sulle scale.

Un uomo di 37 anni di Aradeo (Le) si trova ora in procura a Lecce perche’ sospettato dagli investigatori del duplice omicidio.

RINVIATI FUNERALI ELEONORA MANTA

Non saranno celebrati domani i funerali di Eleonora Manta. “Riteniamo opportuno avvisare la cittadinanza che, contrariamente a quanto previsto, i funerali non si svolgeranno domani. Attendiamo comunicazioni ufficiali”, si legge sulla pagina Facebook del Comune. Intanto continuano le indagini da parte dei carabinieri che stanno ricomponendo il puzzle della sera del 21 settembre quando la giovane coppia e’ stata accoltellata a morte. 

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

23 Settembre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»