VIDEO | Violenza sui luoghi di lavoro, alla Camera primo sì unanime alla Convenzione Oil

La Convenzione passa ora al Senato per la seconda lettura
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – La Convenzione Oil (l’Organizzazione internazionale del lavoro) contro la violenza e le molestie sui luoghi di lavoro “e’ davvero importante perche’ tratta un tema davvero purtroppo molto diffuso, un fenomeno come le molestie sessuali sui luoghi di lavoro”. Laura Boldrini, deputata Pd ed ex presidente della Camera, e’ relatrice del testo che oggi e’ approdato in aula per le votazioni. L’aula della Camera ha approvato all’unanimita’ (384 si’) il testo per la ratifica del documento adottato a Ginevra il 21 giugno 2019, nel centenario dalla nascita dell’Organizzazione internazionale del lavoro. Boldirini, dopo le dichiarazioni di voto, ha ringraziato la ministra Elena Bonetti per la sua presenza in aula che ha conferito “solennita’” a questo ‘si’ che potrebbe portare l’Italia ad essere il primo Paese che approva la convenzione. I voti favorevoli sono stati 384 e nessun contrario. La Convenzione passa ora al Senato per la seconda lettura. Per entrare in vigore essa deve essere ratificata da almeno due Stati membri dell’Oil.

In un’intervista all’Agenzia Dire, la parlamentare ha spiegato: “Il testo definisce i luoghi di lavoro, che non sono solo quelli dove uno e’ seduto alla scrivania, ma sono anche quelli dove si lavora fuori, i luoghi delle riunioni, i viaggi di lavoro, i posti dove si viene inviati per l’incarico professionale. Si estende inoltre la tutela non solo a chi ha un contratto regolare ma anche, per esempio, ai tirocinanti, alle persone che fanno uno stage, alle persone volontarie, quindi allarga anche il target di riferimento”. La Convenzione, ha spiegato l’ex presidente della Camera, “e’ importante perche’ il lavoro e’ sicuramente ricevere uno stipendio adeguato ma e’ anche molto altro: il lavoro e’ auto-realizzazione ma e’ anche dignita’ e rispetto e quindi ci deve essere un ambiente sano, non e’ compatibile questo con le molestie sessuali”. 

La Convenzione Oil, adottata a Ginevra il 21 giugno 2019 fornisce una definizione molto ampia di molestia come comportamenti e pratiche che provocano o mirano a provocare danni fisici, psicologici, sessuali o economici. Non solo l’abuso fisico quindi come violenza ma anche quello verbale anche per via telematica: “È una definizione importante- ha sottolineato Laura Boldrini– anche perche’ ancorata alle nuove tecnologie cioe’ ai tempi in cui viviamo, dove la violenza ma anche la molestia passa spesso attraverso la rete e i social media. E’ un modo quindi per aggiornare le nuove modalita’ delle violenze contro le donne in particolare. Ma la convenzione non riguarda solo le donne, riguarda anche gli uomini, e poi non riguarda solo i lavoratori e le lavoratrici ma anche i datori e le datrici di lavoro. Quindi- ha puntualizzato la parlamentare del Partito democratico- la convenzione riguarda tutti anche se e’ evidente che le figure piu’ prese di mira in questo ambito sono le donne. E siccome tra le varie modalita’ di violenza rientrano anche quelle digitali, le norme sono un modo per aggiornare le tutele e per questo io ringrazio anche i rappresentanti sindacali e Confindustria che sono stati auditi in commissione alla Camera e hanno espresso tutti parere favorevole alla ratifica di questa convenzione”.

“Io penso che ci debba essere piu’ consapevolezza intanto su che cosa e’ la molestia e questa Convenzione ci aiutera’ perche’ definisce anche che cosa sono sessismo e misoginia”, ha proseguito Boldrini. “In Italia- ha spiegato l’ex presidente della Camera- troppo spesso il sessismo e la misoginia vengono scambiati per goliardia, cioe’ quel qualcosa che dovrebbe far ridere alle spalle delle donne che invece si sentono colpite e umiliate. Allora credo che si debba lavorare di piu’ con le giovani generazioni ma anche porre dei rimedi a tutto questo. Questo accade anche nelle trasmissioni televisive, accade sui quotidiani, su tutti i mezzi di informazione. C’e’ sempre in agguato quel sottile sessismo che mette le donne in una posizione di difficolta’ se non stanno al gioco. Quindi di fronte a battute pesanti- ha osservato Boldrini– se le donne non ridono sono considerate ‘bacchettone’ ma non e’ essere ‘bacchettone’, qui c’e’ da rispettare la sensibilita’ di tutti e di tutte”. Il tema della tutela contro la violenza e le molestie di genere, ha concluso la parlamentare, “e’ un tema che va sempre piu’ rilanciato perche’ e’ come se venisse relegato in un angolo considerando ben altre le cose importanti. Invece una societa’ evolve se c’e’ rispetto e se tutte le componenti di quella societa’ hanno la possibilita’ di andare avanti senza discriminazioni. Oggi non siamo ancora a questo punto”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

23 Settembre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»