I medici di Roma: “Preoccupati dall’aumento dei casi nel Lazio”

mascherine_gente_persone_passeggiata
Lo ha detto, all'agenzia Dire, il presidente dell'Ordine dei medici di Roma e provincia, Antonio Magi.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Le mascherine all’aperto sono importanti qualora non fosse possibile garantire il distanziamento fisico. Altrimenti non ce n’e’ bisogno”. Cosi’ il presidente dell’Ordine dei medici di Roma e provincia, Antonio Magi, ha commentato, all’agenzia Dire, la proposta avanzata dall’assessore regionale alla Sanita’, Alessio D’Amato, di istituire l’obbligo di mascherine all’aperto nel caso la curva dei contagi continuasse a salire. 

LEGGI ANCHE: Coronavirus, l’allarme di Sileri: “Elevato rischio di casi d’importazione dalla Francia”

“Se il distanziamento e’ sufficiente, stare tutti con le mascherine non serve” ha aggiunto Magi, ricordando invece l’importanza di avere sempre con se’ i gel per sanificare le mani

Sulla possibilta’ di creare zone rosse in aree ristrette, invece, Magi si e’ detto d’accordo: “E’ gia’ stato fatto, a Nerola o Fondi per esempio. Sono lockdown utili, d’altronde finche’ manca un vaccino siamo costretti a tentare di circoscrivere il contagio”. 

PREOCCUPATI DA AUMENTO CASI NEL LAZIO

“Siamo preoccupati perche’ l’aumento di casi positivi nel Lazio e’ rilevante, cosi’ come e’ rilevante l’incremento nelle terapie intensive: siamo passati in poco tempo da 6 pazienti a 30″. Lo ha detto, all’agenzia Dire, il presidente dell’Ordine dei medici di Roma e provincia, Antonio Magi. “Sospettavamo un aumento dei contagi in famiglia causato dai giovani di rientro dalle vacanze, tanto e’ vero che si sta lentamente alzando l’eta’ media dei positivi- ha continuato Magi- Questa volta, pero’, conosciamo meglio il virus, sappiamo come intervenire per gestire la malattia anche a domicilio. Le strutture non sono in sofferenza, i posti letto in terapia intensiva ci sono. Ma se i numeri continueranno ad aumentare, allora la preoccupazione sara’ maggiore“.

REGIONE LAZIO VIGILI SU DISPOSITIVI PROTEZIONE

“Vorrei che la Regione Lazio vigilasse sulla presenza dei dispositivi di protezione. Il momento di fare scorte, qualora non fossero sufficienti, e’ proprio questo. E’ necessario monitorare la situazione per far lavorare in sicurezza i nostri operatori e difendere i pazienti“, ha concluso il presidente dell’Ordine dei medici di Roma e provincia, Antonio Magi. 

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»