Scuolabus affollati, l’Emilia-Romagna chiama i prefetti: “Controllino”

"Non e' ipotizzabile" la presenza di controlli su ogni mezzo, piuttosto, "serve una assunzione di responsabilita' da parte dei cittadini"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

BOLOGNA – La Regione chiama i prefetti perche’ le Forze dell’ordine controllino il sovraffollamento sui bus. E riconvoca gia’ per i primi giorni della prossima settimana il tavolo di monitoraggio con l’obiettivo di mettere in campo da subito le contromisure sul trasporto scolastico: piu’ corse, dunque, dove servono.

La mossa arriva dopo lo scoppio dei primi casi nelle scuole dell’Emilia-Romagna. E’ stato lo stesso Pd, questa mattina, ad interpellare l’assessore regionale ai Trasporti Andrea Corsini al question time della Regione con la capogruppo Marcella Zappaterra, che ha evidenziato in particolare le difficolta’ riscontrate nel ferrarese.

“All’inizio della prossima settimana e’ stato gia’ riconvocato il tavolo di monitoraggio che dovra’ entrare nel merito dei problemi e delle criticita’ e intervenire con i correttivi per risolvere le criticita’ evidenziate”. Per quanto riguarda il rispetto delle norme Covid, “sono i prefetti, che si avvalgono delle Forze dell’ordine, a dover effettuare i controlli sui mezzi e le fermate”, sottolinea Corsini.

Che sottolinea: “Non e’ ipotizzabile” la presenza di controlli su ogni mezzo, piuttosto, “serve una assunzione di responsabilita’ da parte dei cittadini” con il rispetto delle regole-base: “Mantenere la distanza di almeno un metro, usare le mascherine e igienizzare spesso le mani”.

Corsini ha anche ricordato che per quanto riguarda il sovraffollamento dei bus, in particolare nel ferrarese, la giunta “ha autorizzato servizi aggiuntivi ricorrendo anche subaffidamenti che possono coinvolgere anche il noleggio con conducente”. L’agenzia di trasporto di Ferrara, Ami, aveva calcolato un “fabbisogno ritenuto congruo, riconosciuto integralmente dalle Regione, per circa 400.000 chilometri aggiuntivi”.

Sul fronte dei fondi, invece il decreto ministeriale “non e’ ancora stato pubblicato, essendo ora al vaglio del ministero dell’Economia e delle Finanze”. La Regione ha stanziato per ora 1,6 milioni di euro, con monitoraggio dei livelli di occupazione”. Zappaterra si e’ detta in risposta “soddisfatta per la disponibilita’ a convocare il monitoraggio per attuare i correttivi che servono”. A Ferrara “evidentemente qualcosa va aggiustato e sono contenta che la giunta ne sia consapevole”. Per quanto riguarda i controlli, le risorse di personale “non sono mai sufficienti, ma in questa fase di avvio di anno scolastico il sovraffollamento e’ un problema anche per il proseguo delle attivita’ didattiche”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

23 Settembre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»