Mojo Italia, torna il festival del giornalismo mobile: ecco cosa ne pensano i più grandi

Dal 27 al 29 settembre, alla Casa del Cinema di Villa Borghese a Roma, tornano corsi di formazione gratuiti con gli esperti top del settore, dibattiti e novità del mondo del giornalismo e della comunicazione
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – ‘All you need is (a) phone! Tutto quello di cui hai bisogno è un telefono! ‘ Con questo slogan (poveri Beatles!) torna il MOJO Italia, il festival del Mobile Journalism, ribadendo la centralità dello smartphone come strumento tuttofare (dal video ai social, passando per il podcast) al servizio del giornalismo, delle PR, del videomaking e della comunicazione in genere.

Dal 27 al 29 settembre, alla Casa del Cinema di Villa Borghese a Roma, tornano corsi di formazione gratuiti con gli esperti top del settore, dibattiti e novità del mondo del giornalismo e della comunicazione.

Il MOJO Italia, giunto alla sua seconda edizione, in collaborazione con Stampa Romana e l’associazione italiana Filmaker è sicuramente una momento non solo di aggiornamento ma anche di riflessione sui cambiamenti in atto nel mondo del giornalismo e della comunicazione.

Per questo l’Agenzia DiRE, media partner dell’evento, ha interpellato chi vive in prima persona i mutamenti e del mondo del giornalismo costretto a fare i conti con le piattaforme digitali. Ogni giorno pubblicheremo le interviste, realizzate rigorosamente con attrezzatura mobile, ad alcuni dei giornalisti delle principali tv e testate italiane.

Con il loro contributo cercheremo di capire come il mondo del giornalismo sta cambiando in virtù delle nuove possibilità offerte dagli smartphone di nuova generazione.

Leggi le interviste:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
23 Settembre 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»