Fioramonti: “Chi si assenta per Fridays for future sia giustificato a scuola”

Il ministro emana una circolare: "I giovani devono essere consapevoli di quanto sta accadendo. La lezione più importante? La cura del proprio mondo"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “In accordo a quanto richiesto da molte parti sociali e realtà associative impegnate nelle tematiche ambientali, ho dato mandato di redigere una circolare che invitasse le scuole, pur nella loro autonomia, a considerare giustificate le assenze dei ragazzi occorse per la mobilitazione mondiale contro il cambiamento climatico”. Lo scrive su Facebook il ministro dell’Istruzione, Lorenzo Fioramonti.

LEGGI ANCHE: Clima, Fioramonti con gli studenti: “Lo sciopero è la migliore lezione”

“In questa settimana- prosegue Fioramonti- dal 20 al 27 settembre, infatti, ragazzi e ragazze di ogni Paese stanno scendendo in piazza per rivendicare un’attenzione imprescindibile al loro futuro, che è minacciato dalla devastazione ambientale e da una concezione economica dello sviluppo ormai insostenibile. L’importanza di questa mobilitazione è quindi fondamentale per numerosi aspetti, il primario soltanto dei quali è quello di rivendicare un cambiamento rapido ed essenziale dei modelli socio-economici. Nel chiedere di dare ai nostri giovani la possibilità di manifestare senza ripercussioni scolastiche il 27 settembre vi è a un tempo il tentativo di aumentare la partecipazione e soprattutto di renderli consapevoli di quanto sta accadendo, affinché imparino a lottare per i loro diritti e magari ricordino un giorno quella giornata come una in cui hanno appreso la lezione più importante: la cura del proprio mondo”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

23 Settembre 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»