I consigli ‘green’ degli attivisti per inquinare meno

La sostenibilità passa dalle scelte quotidiane
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – Quali sono le scelte quotidiane che ciascuno di noi puo’ fare per la tutela dell’ambiente? A rispondere a questa domanda ci hanno pensato Emanuela e Stefania, due membri del movimento Extintion Rebellion Bologna. Pochi consigli su quali pratiche quotidiane si possono attuare per limitare l’impatto inquinante del nostro stile di vita.

Si parte naturalmente dal cibo, che ogni giorno acquistiamo e consumiamo. Emanuela Di Vita ricorda di “evitare la plastica e comprare lo sfuso dove possibile, ma anche comprare a chilometro zero”. Stefania Lodi, un’altra giovane attivista bolognese, precisa: “Per quanto possa essere Italia, un prodotto che arriva dalla Sicilia ha comunque un trasporto che e’ lungo.

Personalmente, poi, nell’ultimo anno la mia sfida e’ stata quella di evitare di acquistare vestiti dall’industria del fast-fashion, prediligendo invece quelli dei mercati vintage o dell’usato. Oppure scambiandomeli con amici e parenti”.
E poi i mezzi di trasporto: c’e’ chi ha smesso di utilizzare l’aereo e quasi tutti prediligono la bicicletta per gli spostamenti in citta’. “Un modo- secondo Stefania Lodi- per fare la differenza dal punto di vista inquinante e per fare anche dell’attivita’ fisica senza spendere soldi in palestra”.

Per il resto, spiegano le attiviste, ogni giorno e’ una sfida e ogni situazione e’ potenzialmente un’occasione. Secondo Emanuela, per mettere in pratica i principi di ecologia e cercare di “andare controcorrente rispetto alle proposte di un sistema, quello in cui viviamo, che sono ancora abbastanza prepotenti rispetto alle possibilita’ di scegliere”.

Alice Pani

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

23 Settembre 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»