Yahoo: “Violati 500 mln di account, hacker di Stato”

L'Fbi ha aperto un'inchiesta su quello che è uno dei casi di hackeraggio tra i più rilevanti di sempre
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

lavoro_pcROMA – “Intrusioni online e sottrazioni di dati da parte di soggetti sostenuti dagli Stati sono diventate sempre più comuni nell’industria tecnologica”: così in un nota Yahoo, colosso del web al centro di un caso di hackeraggio tra i più rilevanti di sempre per dimensioni e gravità. Sulla vicenda, che avrebbe visto la sottrazione a mezzo miliardo di utenti di informazioni come indirizzi e-mail, numeri telefonici, date di nascita e password, è stata aperta un’inchiesta dell’Fbi.

Al centro di attacchi informatici di grandi dimensioni già a partire dal 2014, Yahoo non ha fornito indicazioni circa presunte responsabilità di singoli Stati. La società californiana era stata venduta nel luglio scorso a Verizon, colosso statunitense delle telecomunicazioni che ha denunciato oggi di avere solo “informazioni limitate” sulla vicenda e di essere stato messo al corrente del caso di hackeraggio solo “due giorni fa”.

di Vincenzo Giardina, giornalista professionista

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»