Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Femminicidio nella notte ad Acitrezza, 26enne uccisa a colpi di pistola: si cerca l’ex fidanzato

valentina zappalà
La giovane è stata colpita mentre passeggiava con alcuni amici sul lungomare. Il 38enne "aveva ricevuto un divieto di avvicinamento
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

PALERMO – Femminicidio nella notte ad Acitrezza, frazione di Aci Castello, in provincia di Catania. La vittima si chiamava Vanessa Zappalà e aveva 26 anni: è stata uccisa con diversi colpi di pistola. I carabinieri stanno cercando l’ex fidanzato. La giovane è stata colpita mentre passeggiava con alcuni amici.

L’EX DI VANESSA AVEVA IL DIVIETO DI AVVICINAMENTO

Antonino Sciuto, il 38enne di San Giovanni La Punta ricercato perché sospettato di avere ucciso la ex fidanzata, Vanessa Zappalà, ieri sera sul lungomare di Acitrezza, nel Catanese “aveva ricevuto un divieto di avvicinamento emesso dal gip del tribunale a seguito di una denuncia presentata dalla ragazza”. A dirlo è il colonnello Piercarmine Sica, Comandante provinciale dei carabinieri di Catania, in un video. “Stiamo cercando il giovane che nella notte si è reso responsabile dell’efferato omicidio – afferma l’ufficiale dell’Arma -. La giovane è stata colpita da numerosi colpi di arma da fuoco. Sciuto era già stato arrestato dai militari di Trecastagni a seguito di una denuncia presentata dalla vittima nel giugno scorso – racconta Sica -. Si era reso responsabile di maltrattamenti in famiglia e atti persecutori e successivamente era stato tradotto agli arresto domiciliari, poi era stato scarcerato dal gip che aveva disposto la misura cautelare del divieto di avvicinamento”.

VALENTE: “UCCISIONE DI VANESSA È UNA SCONFITTA PER LO STATO

“L’uccisione di Vanessa Zappalà, la giovane a cui l’ex fidanzato più volte denunciato per stalking ha sparato in strada ad Aci Trezza, è una sconfitta dello Stato, come tutti i casi di Femminicidio annunciato. È Inaccettabile che non funzionino le misure di protezione, dopo una denuncia deve essere un imperativo categorico per tutti proteggere la donna”. Lo dice la senatrice del Pd Valeria Valente, presidente della Commissione di inchiesta del Senato sul Femminicidio e la violenza di genere.

“L’inefficacia delle misure di protezione- prosegue Valente- impedisce di interrompere la spirale di violenza e rende anche difficile chiedere poi alle donne di denunciare. Rafforziamo quindi tutte le misure: dall’uso del braccialetto elettronico alla possibilità di arresto in flagranza per chi viola misure di protezione (una norma appena approvata alla Camera per emendamento alla riforma del Processo penale), ma anche il fermo per chi non è colto in flagranza, che vogliamo introdurre. Bisogna usare meglio gli strumenti che ci sono e rafforzare queste misure, fondamentali per impedire il peggio”.

UIL: “NON CHIAMATELO AMORE NÉ RAPTUS

“Non chiamatelo amore, non chiamatelo raptus”. Questo il messaggio congiunto di Uil Sicilia e Uil Catania che attraverso i propri social mostrano uno striscione in difesa delle donne nel giorno in cui una giovane, Vanessa Zappalà, è stata uccisa ad Acitrezza, nel Catanese. Le sigle sindacali “piangono” la 26enne assassinata nella notte e con un messaggio della segretaria organizzativa regionale Luisella Lionti e della segretaria generale territoriale Enza Meli si uniscono al dolore dei familiari e degli amici della ragazza: “È tempo che nelle scuole diventi obbligatoria per tutti l’ora di educazione al rispetto della vita”, dicono. 

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»