Musumeci firma l’ordinanza: “Domani via i migranti dalla Sicilia”. Il Viminale: “Materia di competenza statale”

Il provvedimento del governatore prevede anche il "divieto di ingresso, transito e sosta nel territorio della Regione Siciliana"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “Entro le ore 24 del 24 agosto 2020, tutti i migranti presenti negli hotspot ed in ogni Centro di accoglienza devono essere improrogabilmente trasferiti e/o ricollocati in altre strutture fuori dal territorio della Regione Siciliana, non essendo allo stato possibile garantire la permanenza nell’Isola nel rispetto delle misure sanitarie di prevenzione del contagio”. Lo si legge nell’ordinanza annunciata ieri dal presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, e pubblicata nella notte. Il provvedimento, composto da tre articoli, prevede anche il “divieto di ingresso, transito e sosta nel territorio della Regione Siciliana da parte di ogni migrante che raggiunga le coste siciliane con imbarcazioni di grandi e piccole dimensioni, comprese quelle delle Ong”. Una decisione adottata “al fine – si legge all’articolo 2 – di tutelare e garantire la salute e la incolumità pubblica, in mancanza di strutture idonee di accoglienza”. L’ordinanza prevede comunque che rimangano “ferme” tutte le “ulteriori disposizioni di competenza del governo nazionale in tema di immigrazione”.

“IL GOVERNO ATTIVI UN PONTE AEREO”

“Si attivi un ponte-aereo immediatamente e si liberi la Sicilia da queste vergognose strutture (Hotspot e dei Centri di accoglienza esistenti ndr), iniziando da Lampedusa”, ha dichiarato il presidente della Regione Siciliana, rivolgendosi al Governo. “Le regole europee e nazionali sono state stracciate – ha aggiunto -. L’Europa fa finta di niente e il governo nazionale ha deciso, malgrado i nostri appelli, di non attuare i decreti vigenti e di non chiudere i porti, come invece ha fatto lo scorso anno con il decreto interministeriale Interno-Difesa-Trasporti. C’è una colpevole sottovalutazione del fenomeno senza precedenti. E non capiscono quanto stia crescendo la tensione. Vogliono far diventare razzisti i siciliani, che sono il popolo più accogliente di tutto il mondo? Adesso se vogliono a Roma impugnino pure la mia ordinanza – conclude Musumeci -. Basta: abbiamo avuto fin troppo rispetto istituzionale su questa emergenza, ricambiato da silenzi, indifferenza e omissioni”.

VIMINALE A MUSUMECI: “ORDINANZA REGIONALE NON PUO’ INTERVENTIRE”

“I migranti sono una materia di competenza statale, un’ordinanza regionale non può intervenire”. Lo riferiscono fonti del Viminale a proposito dell’ordinanza del governatore della Sicilia sulla chiusura degli hot spot.

PD: “ORDINANZA MUSUMECI ILLEGITTIMA”

“Ho appena letto l’ordinanza di Musumeci. Confusionaria, tecnicamente fragile, contraddittoria, ineseguibile, illegittima e palesemente in contrasto con diverse norme di rango superiore. Insomma, un fallimento. Il prodotto perfetto dell’esperienza Musumeci. E quando domani i centri di accoglienza rimarranno aperti, pretenderò le dimissioni di chi come Musumeci pensa che basta avere un ruolo istituzionale per dare sfogo ai propri rigurgiti di intolleranza xenofoba, in spregio alla gerarchia delle fonti e ai principi costituzionali che, fortunatamente, fanno ancora dell’Italia un Paese che tutela e difende la vita, senza distinzione di razza, cultura e religione”. Lo dichiara Carmelo Miceli, responsabile nazionale sicurezza del Partito Democratico.

SALVINI: “MASSIMA SOLIDARIETÀ A MUSUMECI”

“Massima solidarietà al governatore siciliano Musumeci che ora chiede il trasferimento degli immigrati dalla Sicilia, dopo che perfino i sindaci di Pd e 5Stelle si sono opposti allo sbarco dei finti profughi. Senza Lega al governo ecco i risultati: porti spalancati, sbarchi a raffica, rivolta bipartisan degli amministratori locali ma nessuna indagine per sequestro di persona e nessun parlamentare di Pd, Leu o Italia Viva che sale a bordo delle navi. Questo governo mette in pericolo l’Italia”. Lo dice il leader della Lega Matteo Salvini.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

23 Agosto 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»