Diciotti, Salvini: “Vogliono arrestarmi? La maggioranza del popolo è con me”

"Io non mollo, non mi dimetto e non retrocedo di un millimetro"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Dall’inchiesta della procura di Agrigento per sequestro di persona “sono tutt’alto che preoccupato perche sento con me la maggioranza degli italiani. Se c’e’ qualche magistrato, qualche procuratore che vuole indagarmi per sequestro di persona, faccia pure. Mi presento, voglio spiegare le mie ragioni. Se qualcuno pensa di arrestarmi sbaglia a capire perche c’e’ la maggior parte del popolo italiano che chiede ordine, regole, rispetto e un’immigrazione sotto controllo”. Matteo Salvini, vicepresidente del Consiglio e ministro dell’Interno, lo dice in un’intervista al Tg5.

Leggi anche: Diciotti, l’odissea continua: “A bordo minori torturati per oltre un anno”

“Chiedo ai magistrati che fanno bene il loro lavoro di fare in modo che i processi durino di meno- aggiunge Salvini- perche’ ci sono 4 milioni di italiani che attendono giustizia, e quindi non penso che un processo a Matteo Salvini possa servire a nessuno”.

“Io non mollo, non mi dimetto e non retrocedo di un millimetro”, aggiunge Salvini.

Leggi anche: “Abbiamo accolto 27 scheletrini, perchè fanno paura?” | Ecco le foto dalla Diciotti

MIGRANTI. SALVINI: NON SBARCA PIU’ NESSUNO FINCHÉ UE NON FA SUA PARTE

All’arrivo di migranti “ho deciso di mettere un freno. Stop. In Italia arriva chi ha il permesso di arrivarci”. Quindi la Diciotti “ed altre navi non sbarcano nessuno in Italia a meno che l’Europa finalmente non si svegli, non faccia la sua parte e accolga come abbiamo fatto noi negli ultimi anni”. Matteo Salvini, vicepresidente del Consiglio e ministro dell’Interno, lo dice in un’intrvista al Tg5.

Leggi anche: Caso Diciotti, Di Maio: “Se Ue non ci aiuta stop a 20 mld dall’Italia”

MIGRANTI. SALVINI: RISPETTO PROMESSE, ALLEATI FACCIANO ALTRETTANTO, MI PIACEREBBE NON CI FOSSERO INTERFERENZE

La polemica con il presidente della Camera Roberto Fico e il ruolo del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella e del presidente del Consiglio Giuseppe Conte nella vicenda relativa al trema migranti potranno avere conseguenze sulla stabilita’ del Governo? “Io voglio rispettare quello che ho promesso agli italiani: meno tasse, via la legge Fornero, meno burocrazia, pace fiscale con Equitalia. Quindi combattero’ fino all’ultimo per mantenere questi impegni. Mi piacerebbe che gli alleati facessero lo stesso, ognuno si occupasse del suo lavoro e non ci fossero interferenze interne o internazionali per rallentare il lavoro di un governo che finalmente rappresenta il cambiamento e raccoglie la fiducia di milioni di italiani”. Matteo Salvini, vicepresidente del Consiglio e ministro dell’Interno, lo dice in un’intervista al Tg5.Leggi anche: Migranti, quando nel ’39 Cuba, Usa e Ue chiusero i porti ai profughi ebreiCaso Diciotti, Cacciari sbotta: “Chi non si indigna è un pezzo di merda”Migranti, Chef Rubio: “Con fake news Salvini porta al pascolo le sue pecore”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»