In Kenya giura ‘Mike il ricco’: dagli slum al Governo di Nairobi

Lo scorso 8 agosto sono arrivati 870mila voti: un risultato con pochi precedenti
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Mbuvi Gidion Kioko, alias Mike SonkoROMA – Zero tasse per gli ambulanti, parcheggi gratis, più salute e trasporti: sono alcune delle mille promesse di Mbuvi Gidion Kioko, alias Mike Sonko, in lingua sheng “Mike il ricco”, imprenditore dei taxi collettivi che si è appena insediato come governatore di Nairobi.

La sua ascesa è al centro di articoli e inchieste pubblicate prima e dopo il giuramento, questa settimana, durante una cerimonia all’Uhuru Park.

I ritratti dipingono un populista alla conquista di una capitale che vale il 60 per cento del Prodotto interno lordo nazionale. Gli affari di Sonko sono cominciati con i “matatu”, i taxi collettivi che fanno muovere Nairobi, un business controllato anche da organizzazioni criminali. Poi ci sono state le “squadre di soccorso”, con i servizi di ambulanza e i vigili del fuoco nei quartieri poveri, dove il governatore ha ancora oggi molti sostenitori.

L’ascesa politica era iniziativa nel 2010, con l’elezione al Senato. Lo scorso 8 agosto, poi, sono arrivati 870mila voti: un risultato con pochi precedenti considerando che il governatore appartiene alla comunità kamba, minoritaria in un Paese dove l’affiliazione etnica conserva un peso.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»