Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Ischia, la procura di Napoli valuta l’ipotesi di disastro colposo

Potrebbe essere aperta un’inchiesta contro ignoti per disastro colposo e omicidio colposo plurimo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – La Procura di Napoli sta valutando l’ipotesi di aprire un’inchiesta contro ignoti per disastro colposo e omicidio colposo plurimo in seguito ai danni provocati dal terremoto avvenuto sull’isola di Ischia.

“Sono nel quadro ordinario delle valutazioni possibili in questo momento” ha dichiarato Giovanni Melillo, Capo della procura di Napoli, ai microfoni di ‘6 su Radio 1’.

Melillo ha poi specificato che si tratta di un “quadro complesso e bisognoso di approfondimenti”. Sul possibile legame tra il fenomeno dell’abusivismo edilizio e il crollo di alcuni edifici sull’isola, il capo della Procura di Napoli ha dichiarato: “Non sfuggono i costi sociali, che anche in queste occasioni si rivelano, di fenomeni gravi come quello dell’edilizia illegale e dell’abusivismo edilizio. All’abusivismo edilizio corrisponde una delle priorità del lavoro della procura della Repubblica di Napoli; un fenomeno che in Campania ha dimensioni straordinariamente gravi e come tale va affrontato”.

LEGGI ANCHE

Terremoto, il Comune di Ischia si ribella: “Crolli non connessi all’abusivismo”

Ischia, Cnr: “Isola ad alto rischio, ma tante case abusive”

Terremoto a Ischia: crollano le case, due morti e decine di feriti. Salvati tre bimbi

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»