Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Effetto Green Pass a Bologna: aperte le agende per altri 15.400 vaccini

Paolo Bordon Bologna
Il direttore generale dell'Ausl Paolo Bordon rileva una corsa all'immunizzazione da parte dei cittadini dopo il discorso di Mario Draghi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – Effetto Green Pass, ed effetto Mario Draghi, sulle prenotazioni del vaccino anti-Covid a Bologna e provincia. “Dalle prime ore di questa mattina abbiamo visto una rincorsa dei cittadini, o nei canali web o nelle farmacie, e alle 13 c’erano più di 3.400 prenotati, quando mediamente ce ne sono stati 3.000 al giorno ultimamente, secondo comunque un trend di crescita. Quindi, c’è sicuramente stata una spinta molto importante. Per coerenza quindi, immediatamente, abbiamo aperto nuove agende per oltre 15.400 posti, 15.448 posti in più da aggiungere”: 9.000 nei distretti, 6.422 in Fiera. I primi a prenotarsi potranno vaccinarsi già mercoledì.

Lo annuncia il direttore generale dell’Ausl di Bologna, Paolo Bordon, incontrando la stampa oggi pomeriggio insieme con il direttore del dipartimento di Sanità pubblica Paolo Pandolfi. E le dosi ci sono, assicura Bordon: “Grazie all’impegno della Regione, abbiamo avuto rassicurazioni sulle dosi disponibili e ce ne sono già state fornite, per procedere senza indugio. Da mercoledì, quindi, sarà possibile ottenere nuovi appuntamenti, che si sommano ovviamente a quelli già prenotati. Abbiamo avuto una buona adesione alla nostra campagna vaccinale e le nostre agende erano piene, quindi ora questo sblocco di ulteriori posti aiuta nel percorso di copertura della nostra comunità: l’obiettivo è raggiungere almeno il 70%, tendendo all’80%, da qui a tutto il mese di agosto”.

Sulle ulteriori iniziative da assumere in questo quadro in tutta l’area metropolitana, aggiunge Bordon, “abbiamo un appuntamento la settimana prossima con la Conferenza sociosanitaria territoriale. Il sindaco Virginio Merola, in particolare, mi ha già fatto arrivare un messaggio con cui chiede la collaborazione per spingere molto sulle prenotazioni”.

Siamo tutti allineati a livello istituzionale, quindi, insieme con la Regione e i Comuni, verso un unico obiettivo: usare questo mese che abbiamo di fronte per vaccinare il più possibile“. Tutto questo anche “perché, purtroppo, i casi di Covid stanno ripartendo e abbiamo un aumento significativo. Dobbiamo proteggere quindi la nostra comunità”, avvisa il direttore generale dell’Ausl. Da “pochissimi” casi alla settimana fino a fine giugno, infatti, si è arrivati a 253 la scorsa settimana e oggi i casi nuovi sono 76: “Ci aspettiamo in un paio di giorni di arrivare a 100 casi al giorno almeno, purtroppo. Era prevedibile, anche per effetto della variante Delta”, nota Bordon.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»