Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

De Luca: “Salvini e Fratelli d’Italia nemici dell’economia”

vincenzo de luca
"Per lisciare il pelo per l'apertura per tre settimane di attività economiche rischiano di produrre un aggravamento del contagio che poi determina chiusura attività per mesi"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – “Ci sono dei soggetti che fingono di difendere le attività economiche ma sono i nemici dell’economia. Il primo è Salvini, ma non solo lui. Anche tanti esponenti di Fratelli d’Italia, per fare demagogia a breve, rischiano di determinare un danno di lungo periodo”. Così Vincenzo De Luca, presidente della Regione Campania, in una diretta Facebook. “Per lisciare il pelo per l’apertura per tre settimane di attività economiche – aggiunge – rischiano di produrre un aggravamento del contagio che poi determina chiusura attività per mesi. Questa è la strada che seguono alcuni di questi soggetti”.

 IN ITALIA STOP MASCHERINA PER DARE CONTENTINO A SALVINI

Per il governatore “eliminare l’obbligo di mascherine all’aperto è stato un gesto sbagliato, che in Campania non abbiamo seguito, fatto per dare un contentino a Salvini. Abbiamo invece accelerato la diffusione del Covid in Italia”. “Siamo alla follia – aggiunge De Luca – quando Salvini dice che i vaccini sotto i 40 anni non vanno bene. I danni epidemiologici ci dicono che l’età media è scesa oggi a 28 anni. Allora, come si può dire in maniera responsabile che sotto i 40 anni se te lo fai o non te lo fai è la stessa cosa? È incredibile. Evitiamo – conclude il presidente della Regione Campania – di seguire nella linea dell’irresponsabilità chi si deve fare pubblicità politica a breve, determinando danni di lungo periodo per il mondo del commercio, della ristorazione, del turismo, delle attività produttive”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»