Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Covid, Rt balza a 1,26 e raddoppia l’incidenza. Iss: “Alta trasmissibilità tra i giovani”

medici covid coronavirus
I dati pubblicati dall'Istituto Superiore della Sanità mostrano un peggioramento del quadro pandemico, ma "l'impatto sui servizi ospedalieri rimane minimo"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Nel periodo compreso tra il 30 giugno e il 13 luglio 2021, l’Rt medio calcolato sui casi sintomatici è stato pari a 1,26 (range 0,96- 1,62), in aumento rispetto alla settimana precedente (quando si attestava a 0,91 ndr) e sopra uno. Si osserva in maniera analoga un aumento dell’indice di trasmissibilità basato sui casi con ricovero ospedaliero (Rt=1.16 (1.06-1.27) al 13/7/2021 vs Rt=0.97 (0.88-1.06) della settimana precedente).

L’elevata proporzione di soggetti giovani e asintomatici evidenziata dai dati epidemiologici pubblicati dall’Istituto Superiore di Sanità va considerata nella lettura di queste stime di trasmissibilità”. È quanto emerge dalla bozza dell’ultimo monitoraggio settimanale sul Covid-19 dell’Istituto superiore di sanità e del ministero della Salute.

Accelera l’aumento dell’incidenza settimanale a livello nazionale (31 per 100.000 abitanti (12/07/2021-18/07/22021) vs 14 per 100.000 abitanti (05/07/2021-11/07/2021). L’incidenza- prosegue il report- è ancora sotto il valore di 50 per 100.000 abitanti ogni 7 giorni in tutto il territorio”. Prosegue intanto la campagna vaccinale e l’incidenza è attualmente ad un livello “che potrebbe consentire il contenimento dei nuovi casi”.

19 REGIONI A RISCHIO MODERATO, MA L’IMPATTO SUGLI OSPEDALI RIMANE MINIMO

“Sono 19 le Regioni/PPAA classificate a rischio moderato e due (Basilicata e Valle D’Aosta) a rischio basso secondo il DM del 30 Aprile 2020 questa settimana”. È quanto emerge dalla bozza dell’ultimo monitoraggio settimanale sul Covid-19 dell’Istituto superiore di sanità e del ministero della Salute. “Si osserva un forte aumento dell’incidenza settimanale a livello nazionale– si legge nel report- con evidenza di aumento dei casi diagnosticati in quasi tutte le Regioni/PPAA. Il quadro generale della trasmissione dell’infezione da virus SARS-CoV-2 torna a peggiorare nel Paese con quasi tutte le Regioni/PPAA classificate a rischio epidemico moderato”.

La trasmissibilità sui soli casi sintomatici e su quelli ospedalizzati è “sopra la soglia epidemica”. Ma l’impatto della malattia Covid-19 sui servizi ospedalieri “rimane minimo– evidenziano gli esperti- con tassi di occupazione e numero di ricoverati in area medica e terapia intensiva sostanzialmente stabili”.

IL TASSO DI OCCUPAZIONE DELLE TERAPIE INTENSIVE È STABILE AL 2%

Nessuna Regione/PPAA supera la soglia critica di occupazione dei posti letto in terapia intensiva o area medica. Il tasso di occupazione in terapia intensiva è stabile al 2%, con una lieve aumento nel numero di persone ricoverate che passa da 157 (13/07/2021) a 165 (20/07/2021). Il tasso di occupazione in aree mediche a livello nazionale rimane al 2%. Il numero di persone ricoverate in queste aree è in lieve aumento 1.128 (13/07/2021) a 1.194 (20/07/2021)”.

LA VARIANTE DELTA È ORMAI PREVALENTE IN ITALIA

La circolazione della variante delta è in aumento in Italia ed è ormai prevalente. Questa variante sta portando ad un aumento dei casi in altri Paesi con alta copertura vaccinale, pertanto è opportuno realizzare un capillare tracciamento e sequenziamento dei casi”. È quanto emerge dalla bozza dell’ultimo monitoraggio settimanale sul Covid-19 dell’Istituto superiore di sanità e del ministero della Salute. “È necessario raggiungere una elevata copertura vaccinale e il completamento dei cicli di vaccinazione– evidenziano gli esperti- per prevenire ulteriori recrudescenze di episodi di aumentata circolazione del virus, sostenute da varianti emergenti con maggior trasmissibilità”.

Sulla base dei dati e delle previsioni dell’ECDC (Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie), della presenza di focolai causati dalla variante virale delta in Italia e delle attuali coperture vaccinali, è opportuno “mantenere elevata l’attenzione, così come applicare e rispettare le misure necessarie per evitare un aumento della circolazione virale”, conclude il report.

FORTE AUMENTO DI CASI NON ASSOCIATI A CATENE DI TRASMISSIONE

“Si osserva un forte aumento nel numero di nuovi casi non associati a catene di trasmissione (4.997 vs 2.408 la settimana precedente). La percentuale dei casi rilevati attraverso l’attività di tracciamento dei contatti scende ulteriormente (30% vs 31% la scorsa settimana). In diminuzione anche la percentuale dei casi rilevati attraverso la comparsa dei sintomi (44% vs 46%). Infine, il 26% è stato diagnosticato attraverso attività di screening”.

LEGGI ANCHE: Draghi: “Non vaccinarsi significa ammalarsi e morire”. Ecco le nuove regole sul green pass

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»