Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Perdere i figli durante le vacanze estive, capita al 24% degli italiani

Spiagge, piscine, parchi a tema e centri commerciali i luoghi più rischiosi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Luoghi solitamente molto affollati, specialmente in estate quando le scuole sono chiuse, i bambini sono in vacanza e molti genitori, anche quelli che devono attendere per le ferie vere e proprie, amano frequentare con loro nei momenti liberi. Ma con i piccoli bisogna stare molto attenti in questi posti pieni di persone e con tante distrazioni e attrazioni che possano attirare la loro attenzione. Perché, secondo il potente motore di ricerca di voli e hotel jetcost.it, una famiglia italiana su quattro perde un bambino durante le vacanze estive. Anche se normalmente i piccoli vengono ritrovati dopo poco tempo, in media sette minuti, a livello europeo gli italiani non ne escono bene.

Il team di Jetcost ha condotto il sondaggio nel quadro di uno studio più approfondito sulle vacanze in famiglia degli europei, in particolare di quelle con figli. Sono stati interpellati 3.000 genitori (500 di ogni nazionalità tra inglesi, spagnoli, italiani, tedeschi, portoghesi e francesi), maggiorenni e con almeno un figlio di età compresa tra i 3 e i 10 anni, che fossero stati in vacanza con la famiglia nei mesi di luglio e agosto almeno una volta negli ultimi due anni. Inizialmente, a tutti gli intervistati è stato chiesto se avessero mai “perso” i figli durante le vacanze di luglio e agosto anche per un breve periodo di tempo, e un genitore su quattro ha risposto di sì (il 25%). A questi ultimi è stato allora domandato dove fosse successo, ed ecco le risposte più frequenti:

Successivamente, a tutti i genitori che avevano risposto di aver perso un figlio, è stato chiesto quanto tempo fosse passato prima di ritrovarlo, e la durata media di questo intervallo è risultata di sette minuti. È stato inoltre domandato loro come si fossero organizzati per ritrovarli: il 73% dei genitori ha dichiarato di aver chiesto aiuto ad altri familiari o amici, quasi la metà (il 49%) ha detto di aver chiesto aiuto a sconosciuti e, sorprendentemente, solo il 13% ha affermato di essersi rivolta alla polizia o ai dipendenti del luogo in cui avevano smarrito i bambini. A chi ha dichiarato di non aver allertato la sicurezza è stato chiesto il perché, e la risposta più comune è stata: “Perché il bambino si è presentato prima che potessi avvisarli” (il 69%). Ma quasi la metà non lo ha fatto perché ha ammesso di “essersi vergognato” (il 47%). Per quanto riguarda i risultati a livello europeo, gli italiani sono risultati molto distratti nell’occuparsi dei figli: secondi solo agli spagnoli nel perdere i bambini durante le vacanze estive.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»