Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Meloni: “Attenzione genitori, i bonus infanzia nascondono fregatura”. Ap: “Malafede”

Pronta la replica di Alternativa popolare interviene: "E' in malafede o non capisce nulla"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Attenzione mamme e papà: i bonus infanzia nascondono una fregatura, tanto per cambiare: chi richiede un bonus -ad esempio quello per il nido- perde il diritto a tutte le altre agevolazioni (ad esempio le detrazioni per gli asili nido e i voucher per la baby sitter)”, scrive su Facebook il presidente di fratelli d’Italia Giorgia Meloni.

E prosegue: “Fatevi bene i calcoli prima di richiedere qualsiasi bonus, magari chiedete informazioni a un Caf. Quando avete a che fare con il Governo Renzi-Gentiloni non potete mai stare sereni, è affidabile come un truffatore che vi propone il gioco delle tre carte, se abbassate la guardia siete rovinati. Ricordate: non accettate caramelle dagli sconosciuti, fate attenzione ai borseggiatori sull’autobus, e soprattutto tenete gli occhi aperti quando sentite il Governo pronunciare la parola ‘bonus'”.

AP: MELONI IN MALAFEDE O NON CAPISCE NULLA

“Le affermazioni di Giorgia Meloni sul bonus infanzia dimostrano malafede o che non capisce proprio nulla di quello di cui parla. Gli italiani devono stare attenti a quelli come lei che pur non sapendo, e senza approfondire, fanno dichiarazioni per dare fiato alle trombe”. A dirlo è Valentina Castaldini, portavoce nazionale di Alternativa Popolare.

Il bonus- spiega- non è cumulabile per una questione logica e di giustizia: se una coppia di genitori manda il proprio figlio all’asilo nido e riceve un contributo mensile di circa 90 euro perché dovrebbe usufruire dei voucher baby sitter? Se, al contrario non frequenta l’asilo per un mese o due o tre può usufruire dei voucher in quanto non riceverà il contributo dei 90 euro mensili. Analogamente la detrazione riconosciuta per le spese sostenute per asilo nido è pari al 19% di una spesa totale che non deve essere superiore a 639 euro annui (così per legge): insomma i genitori possono detrarre circa 120 euro che sono molto meno rispetto a 1000 euro annui del bonus”. E conclude: “Dunque, genitori andate pure ad informarvi al Caf, che prontamente sbugiarderà la Meloni. Gli italiani devono piuttosto diffidare da chi per propaganda fa disinformazione”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»