Sicurezza, a Ravenna street bar antidegrado agli Speyer

Il vicesindaco, Eugenio Fusignani: "Azioni contro l'accattonaggio e i parcheggiatori abusivi"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ravenna02BOLOGNA – “Contrasto ad accattonaggio e a parcheggiatori abusivi, riappropriazione degli spazi urbani degradati. Sono queste le priorità condivise da Comune e Prefettura di Ravenna sulle quali si andranno a breve a concentrare nuove risorse e strategie, sulla base di un modello già collaudato di collaborazione e sinergia tra le due istituzioni”. Lo afferma il vicesindaco con delega alla sicurezza Eugenio Fusignani che nei giorni scorsi ha incontrato il prefetto Francesco Russo per fare il punto sulle politiche per la sicurezza, in occasione dell’avvio del mandato. “Naturalmente proseguiremo la battaglia contro l’abusivismo commerciale- prosegue Fusignani- attraverso la Polizia municipale che quest’anno con un organico potenziato ha già riportato risultati positivi come testimoniato anche per iscritto da alcuni turisti”. Entrando nel merito delle priorità, l’obiettivo del Comune per contrastare l’accattonaggio è quello di intensificare la presenza degli agenti della Polizia municipale nel cuore del Centro storico: già da alcuni giorni piazza del Popolo e dintorni sono presidiati. “Ravenna- afferma Fusignani- è una città ospitale, ma non si può scambiare l’accoglienza con il permissivismo nei riguardi di persone che, pur non volendo, infastidiscono i passanti con continue richieste di elemosine e che comunque sono seguite per lo più dai servizi sociali e dal volontariato”.

Sempre nel solco della tutela di cittadini e visitatori verranno intraprese azioni mirate nei riguardi dei parcheggiatori abusivi spesso segnalati come autori di molestie soprattutto nei riguardi di donne e persone anziane. E’ allo studio l’installazione di parcometri attraverso i quali si potrà pagare l’importo della sosta legato al numero di targa per evitare il riciclaggio dei ticket. Per quanto riguarda i luoghi in cui sono presenti fenomeni di degrado urbano e malavita – giardini Speyer – si prefigurano azioni da parte delle Forze dell’ordine da un lato, e politiche di socializzazione dall’altro che “incentivino- spiega Fusignani- la creazione di attività economiche tipo street bar in grado di richiamare pubblico e rivitalizzare quell’area, sull’esempio di piazza san Francesco”. L’obiettivo “è quello di riportare la città a misura di cittadino e di turista. Per realizzarlo efficacemente non risparmieremo alcun tipo di azione né sul fronte dell’ordine pubblico né su quello della progettualità”. Così “come abbiamo attivato una collaborazione con l’Associazione dei carabinieri in pensione a supporto della Polizia municipale, è nostra intenzione proseguire su questa strada con altri soggetti per disporre di ulteriori risorse da utilizzare a seconda dei casi”. Infine, “proseguiremo” a “presidiare il forese con pattuglie della Polizia Municipale”. Dopo quello col prefetto, il vicesindaco Fusignani ha in programma analoghi incontri con il comandante dei Carabinieri e il questore.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»