hamburger menu

Tg Cultura, edizione del 23 giugno 2022

Si parla di nastri argento, terme di Caracalla, archeologia subacquea e danza

‘È STATA LA MANO DI DIO’ VINCE IL NASTRO COME MIGLIOR FILM

Il cinema d’autore trionfa ai Nastri d’Argento, con ‘È stata la mano di Dio’ di Paolo Sorrentino che vince il titolo di Miglior film del 2022 e ‘Marx può aspettare’ di Marco Bellocchio proclamato ‘Film dell’anno’. Con quattro Nastri Mario Martone vince per la migliore regia, mentre il premio per la sceneggiatura è andato a Ippolita Di Majo con ‘Qui rido io’ e ‘Nostalgia’. Tre Nastri a ‘Freaks Out’ di Gabriele Mainetti per montaggio, costumi e scenografia e, infine, il ‘cameo’ dell’anno è andato a Drusilla Foer, la nonna dark di ‘Sempre più bello’.

LE TERME DI CARACALLA AMPLIANO IL LORO PERCORSO DI VISITA

Le Terme di Caracalla ampliano il loro percorso di visita, grazie all’impegno e al lavoro della Soprintendenza Speciale di Roma che riapre l’ambiente di una domus di età adrianea proponendo una importante novità. Gli affreschi che tornano visibili appartenevano a un edificio situato in un quartiere che agli inizi del III secolo venne distrutto per far spazio alle Terme di Caracalla. “In questo modo i visitatori, oltre alla bellezza e all’interesse di queste pitture, potranno cogliere un pezzo di storia e le trasformazioni della città antica”, ha spiegato Daniela Porro, soprintendente speciale di Roma.

NEL MARE DI LECCE RIEMERGONO FRAMMENTI DI ANFORE

Frammenti di anfore sono stati scoperti da un team di ricercatori dell’Università del Salento della zona di mare chiamata ‘La Pierta’, la baia compresa fra Torre Chianca e Torre Lapillo, in provincia di Lecce. Per i ricercatori i reperti provengono dalla provincia africana della Tripolitania e, con ogni probabilità, appartengono a un unico carico navale il cui viaggio si è tragicamente interrotto fra Crotone e Porto Cesareo. Le ipotesi sono ancora dibattute: il carico si è potuto frammentare con l’impatto con il fondale e con la devastante energia ambientale delle onde.

AL VIA LA II EDIZIONE DEL FESTIVAL LE DANZATRICI EN PLEIN AIR

Seconda edizione del Festival internazionale di Danza contemporanea Spettacoli, talenti emergenti, comunità ed eventi collaterali che dialogano con l’architettura degli spazi urbani e museali: dal 24 giugno al 10 luglio a Ruvo di Puglia torna ‘Le danzatrici en plein air’, il festival di danza contemporanea organizzato dalla Compagnia Menhir sotto la direzione artistica del coreografo Giulio De Leo. Per due fine settimana questa seconda edizione porta in scena l’eccellenza di grandi artisti e compagnie di danza nazionali e internazionali, ma anche lavori di ricerca frutto di residenze artistiche e performance coreografiche realizzate insieme alle comunità.

FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2022-06-23T14:07:03+02:00