hamburger menu

Ciampino al ballottaggio, Colella chiude la campagna elettorale: “I miei impegni per i primi cento giorni”

Al ballottaggio di domenica, la candidata del centrosinistra sfiderà la ex sindaca Daniela Ballico: "Non c'è stato un confronto perché ci ha insultati. Vogliamo una Ciampino più inclusiva ed efficiente"

emanuela_colella

ROMA – Questa sera alle 18.30 in largo Luther King Emanuela Colella, candidata sindaca di Ciampino per il centrosinistra, chiuderà la sua campagna elettorale in vista del ballottaggio previsto per domenica (si vota dalle ore 7 alle 23). Poco prima ha rilasciato questa intervista all’agenzia stampa Dire, durante la quale ha parlato degli atti più importanti che adotterà, in caso di vittoria, nei primi cento giorni, delle alleanze con gli altri candidati in vista del secondo turno e dello scontro con la candidata del centrodestra, Daniela Ballico.

“BALLICO INSULTA, PIÙ CHE CONFRONTO VOLEVA SCONTRO”

“La signora Daniela Ballico non vuole assolutamente un confronto leale sul programma ma uno scontro, e lo ha dimostrato in questi mesi di campagna elettorale. Ha alzato il tiro in questi ultimi giorni, con quel suo modo di fare arrogante, lo stesso con cui amministrava la città, con insulti sui social nei miei confronti, nei confronti dei candidati della coalizione e dei miei sostenitori”. Queste le parole di Colella sul mancato confronto con la sua avversaria in vista del secondo turno di domenica. “Noi siamo una squadra che in questi mesi di campagna elettorale ha parlato e dialogato con i cittadini e recepito le loro istanze nel nostro programma elettorale partecipato. Abbiamo spiegato loro le nostre proposte per Ciampino”.

“La signora Ballico – ha aggiunto la candidata di centrosinistra – in questi mesi ha fatto una campagna elettorale basata solo sul denigrare l’avversario, sugli insulti e su una becera propaganda elettorale, arrivando a dire, e questa è stata la cosa peggiore, che solo con lei ci sono le persone per bene. Le vorrei dire di smettere di fare la maestrina che dalla lavagna indica da una parte i buoni e da una parte i cattivi – ha puntualizzato Colella – perché la nostra coalizione è fatta di uomini e donne competenti e seri, che rappresentano i cittadini di Ciampino. Noi siamo una squadra che ha sposato un progetto per la città e che ha a cuore il bene di Ciampino. Dico quindi alla signora Ballico: ‘No allo scontro, perché i cittadini di Ciampino non ne hanno bisogno’. Noi continueremo a stare tra la gente e a parlare con i cittadini. Saldando quella comunità che lei ha invece fortemente diviso”.

GRAZIE A PORCHETTA PER IL SOSTEGNO, PUNTI IN COMUNE

Colella è poi passata a parlare del sostegno incassato da Alessandro Porchetta, candidato sindaco di una coalizione progressista, arrivato terzo al primo turno con il 18,86% delle preferenze. “Voglio ringraziare la coalizione di Alessandro Porchetta e i suoi rappresentanti. Hanno ottenuto un risultato bellissimo al primo turno, frutto di un lavoro fatto sul territorio che è stato riconosciuto. Li ringrazio anche del sostegno che hanno dato alla mia candidatura per il secondo turno, con l’imperativo di essere contro il ritorno delle destre in questa città e contro un modello di governo che abbiamo già sperimentato con la precedente amministrazione e che si basava sull’esaltazione dell’io, sul fare arrogante e su un atteggiamento predatorio sul Comune e sulle sue partecipate, che è stato diviso tra i cittadini”.

Noi vogliamo che prevalga un’amministrazione basata sul noi – ha sottolineato la candidata di centrosinistra -, sulla partecipazione democratica e sul dialogo con i cittadini. Si amministra con loro e anche con il dialogo con le forze progressiste di opposizione che vogliono essere collaborative e propositive. Il loro sostegno lo vedo come auspicio per una collaborazione futura sempre più feconda, perché abbiamo molti punti programmatici in comune su cui possiamo convergere e lavorare. Primo tra tutti il no alla privatizzazione del patrimonio pubblico comunale“.

“NEI PRIMI 100 GIORNI STOP PRIVATIZZAZIONI E CITTADINANZA A SEGRE”

Colella ha le idee chiare sui primi provvedimenti da adottare in caso di vittoria al ballottaggio: “Partiremo da subito con un’opera di manutenzione ordinaria e straordinaria della città, dai parchi, al cimitero, fino alle strade, i marciapiedi, la viabilità e l’arredo urbano. Questa è la priorità che ci hanno indicato i cittadini. Una cosa normale, vista la situazione di degrado in cui è stata lasciata la città dopo i due anni di governo delle destre. Revocheremo poi, immediatamente, i project financing con cui la precedente amministrazione stava privatizzando parti importanti del patrimonio pubblico della città, come gran parte dell’ex cantina sociale e l’impianto sportivo di via Cagliari”.

“Metteremo poi a disposizione dell’Asl Roma 6 una parte di un immobile comunale rimasto incompleto per far sì che diventi un tutt’uno con l’attuale polo di via Calò, dove sorgerà la Casa della comunità, che dovrà diventare il punto di sviluppo e potenziamento della sanità ciampinese. Infine – ha dichiarato Colella -, dovremo risarcire la nostra città per una ferita aperta dalla destra di Ciampino: lo faremo conferendo la cittadinanza onoraria alla senatrice a vita Liliana Segre, invitandola a venire in città per spiegare ai nostri ragazzi, in una lezione di storia, quali sono stati i danni prodotti dall’olocausto e dalle leggi razziali”.

“AL VOTO PER UNA CITTÀ PIÙ INCLUSIVA ED EFFICIENTE”

La candidata sindaca di centrosinistra per Ciampino ha concluso con un appello finale agli elettori: “Andiamo a votare. Andate a votare. Fatelo se avete a cuore il futuro della vostra città, esercitando il vostro diritto. Noi siamo una squadra e vi chiedo di darmi fiducia e dare fiducia alla nostra coalizione, che dialoga al plurale e vuole un modello basato sul ‘Noi’. Siamo pronti a ridare dignità alla nostra città e a ridare ai ciampinesi l’orgoglio di vivere in una città efficiente, inclusiva, funzionale e attraente dal punto di vista culturale e associativo”.

Stasera alle 18.30 sul palco di largo Martin Luther King ci saranno anche il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, e i sindaci di altri dieci Comuni dell’area, da Albano a Zagarolo, passando per Grottaferrata, Frascati e Velletri, solo per citarne alcuni.

FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2022-06-23T15:13:03+02:00