Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Ddl Zan, le ‘considerazioni ovvie’ di Draghi: “Il Parlamento è libero”

mario_draghi
Una traccia, però, il premier la offre: il governo non tollera le discriminazioni. Ma ora il bando torna alla politica
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Mario Draghi le chiama “considerazioni ovvie”. Ma le parole che consegna all’aula del Senato non suonano per niente scontate.
Non lo erano alle orecchie dei tanti senatori cattolici, inclini ad ascoltare le sirene d’Oltretevere. E neppure lo erano per quegli ‘ambienti’ che in Vaticano hanno ispirato la nota contro il ddl Zan, diffusa attraverso i canali diplomatici.

LEGGI ANCHE: Ddl Zan, ecco la nota del Vaticano: “Differenza sessuale non disponibile, deriva da Rivelazione divina”

Il nostro è uno Stato laico, non è uno Stato confessionale. Quindi il Parlamento è certamente libero di discutere – ovviamente, sono considerazioni ovvie – e di legiferare”, dice il presidente del Consiglio, raccogliendo l’applauso di una parte della sua maggioranza. Draghi ricorda che l’Italia non ha bisogno di particolari esortazioni. “Il nostro ordinamento contiene tutte le garanzie per assicurare che le leggi rispettino sempre i principi costituzionali e gli impegni internazionali, tra cui il concordato con la Chiesa”, dice il premier, in risposta alla Nota vaticana.

Se la Santa sede ritiene che sia stato violato il Concordato – e nello specifico nel limitare le “libertà assicurate ai cattolici”, in base al principio per cui la differenza sessuale è “indisponibile”, essendo rivelata da Dio – può fare fede sui controlli di costituzionalità “preventivi nelle competenti commissioni parlamentari” con il Parlamento che, “di nuovo per primo, discute della costituzionalità e poi sui “controlli successivi nella Corte Costituzionale”.

LEGGI ANCHE: Ddl Zan, numeri inclementi al Senato: si rafforza il fronte della trattativa

Per il premier non si tratta di un’offesa alla sensibilità dei cittadini di credo cattolico. Cita a tal proposito una sentenza della Corte Costituzionale del 1989, in cui si ricorda che “la laicità non è indifferenza dello Stato rispetto al fenomeno religioso, la laicità è tutela del pluralismo e delle diversità culturali”.

Altra questione è la discussione nel merito del disegno di legge firmato da Alessandro Zan. Draghi non entra nell’agone del dibattito politico. “Il Governo segue la discussione parlamentare ma questo è il momento del Parlamento, non è il momento del Governo”, mette in chiaro, deludendo quanti pensavano che avrebbe (potuto) prendere posizione.

LEGGI ANCHE: Covid, Draghi: “Più di 5 milioni di italiani hanno già scaricato certificato vaccinale”

Una traccia però la offre. Il governo non tollera le discriminazioni. Prova ne sia la dichiarazione “sottoscritta con altri 16 Paesi europei in cui – ricorda Draghi – si esprime preoccupazione sugli articoli di legge in Ungheria che discriminano in base all’orientamento sessuale”.
Definito il perimetro della discussione sul ddl Zan, ora il bandolo torna alla politica. Questa sera il centrosinistra in conferenza dei capigruppo a Palazzo Madama dovrebbe chiedere di superare l’ostruzionismo in commissione con la calendarizzazione in aula senza relatore. Una prova di forza sul filo dei numeri. Ma non un azzardo. Dopo le parole del premier, il ‘partito di Draghi’, se esiste, potrebbe battere un colpo.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»