Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

A Termini Imerese 31 imprese a formare il Polo Meccatronica Valley

nello musumeci-min
Tra cui dodici start-up e cinque aziende del Nord Italia provenienti da Lombardia, Toscana e Trentino Alto Adige
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

PALERMO –  Oltre 4mila metri quadrati di superficie, di cui 3.260 coperti, distribuiti in tre corpi, 12 laboratori, spazi di co-working, uffici amministrativi e di rappresentanza. All’interno della struttura, che sorge nel cuore dell’area industriale di Termini Imerese (Palermo), si insedieranno 31 imprese, tra cui 12 start-up, e cinque aziende del Nord Italia provenienti da Lombardia, Toscana e Trentino Alto Adige. Termini diventa il cervello pulsante del Polo Meccatronica Valley, la ‘Rete d’impresa’ promossa dal Distretto produttivo della Meccatronica della Sicilia, alla quale Invitalia, Agenzia per lo sviluppo del ministero per l’Economia, ha affidato la gestione dell’incubatore realizzato e collaudato nel 2015 e ora pronto a partire.

La firma della convezione tra Invitalia e il Polo Meccatronica Valley è avvenuta nel corso di una cerimonia a Palazzo d’Orleans, sede della Presidenza della Regione Siciliana. Presenti il governatore Nello Musumeci, i componenti della giunta e una delegazione delle imprese fondatrici del Polo Meccatronica Valley. A consegnare le chiavi della struttura al presidente del Polo, Antonello Mineo, è stato Gabriele Visco, responsabile per Invitalia dell’incubatore.

All’iniziativa anche alcuni dei partner del Polo Meccatronica Valley: Ico Valley insieme a Confindustria Ivrea, Siderpali del gruppo Mitas, Cio Club e It manager, We Start, Consorzio sit, Upi e Digital Magic. La Mission del Polo è la creazione a medio termine di una piattaforma di innovazione diffusa e condivisa, aperta al contributo degli operatori economici, delle amministrazioni pubbliche, degli ordini professionali e delle università. Il progetto mira a sostenere l’ecosistema dell’imprenditorialità siciliana, con l’obiettivo di generare sviluppo economico e occupazione nelle filiere industriali innovative. Sette le direttrici tematiche: Industria 4.0, Start up incubatore/acceleratore, efficientamento energetico, Sos Covid, Smart cities, Laboratorio comune, Formazione. “Sono convinto che questo spirito di comunione di intenti possa consentire di superare e sconfiggere il partito della rassegnazione – ha affermato Musumeci nel corso della cerimonia -. Assumo l’impegno di intervenire, anche in termini di infrastrutturazione, per potere investire le risorse già destinate all’area industriale di Termini Imerese. L’auspicio è che presto possano arrivare i risultati”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»