Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Tg Lazio, edizione del 23 giugno 2021

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

RIFIUTI, ORDINE MEDICI: ROMA A RISCHIO EMERGENZA SANITARIA

Roma è a un passo da una nuova emergenza sanitaria, stavolta per la mancata raccolta dei rifiuti. L’allarme è stato lanciato dal presidente dell’Ordine dei Medici di Roma, Antonio Magi, in una lettera inviata al Campidoglio, alla Regione Lazio, al prefetto di Roma e al ministero della Transizione ecologica. “Ognuno per le proprie competenze dovrà farsi carico del problema portando a una immediata e definitiva soluzione”, ha scritto Magi che poi ha ammonito: “La situazione è tale che i romani, in controtendenza rispetto a tutto il resto del Paese, rischiano di dover portare le mascherine ancora a lungo, anche all’aperto, per proteggersi dai miasmi”.

ROMA, ACCOLTELLATO E UCCISO A USCITA DELLA METRO: KILLER IN FUGA

Accoltellato tra il petto e la gola all’uscita della stazione della metro di San Giovanni. E’ morto così ieri sera, sotto i colpi inferti da uno killer davanti a diversi testimoni, un uomo di 41 anni di origini irachene. Il corpo della vittima è stato ritrovato senza vita dai Carabinieri all’altezza del civico 5 di piazzale Appio. Chi era sul posto ha prima sentito delle urla e poi visto l’uomo cadere sull’asfalto in una pozza di sangue e il suo presunto assassino correre in direzione della metropolitana. Gli inquirenti stanno cercando di identificare il killer anche visionando i filmati registrati dalle telecamere di videosorveglianza della zona.

PROCESSO MORTE WILLY, CARABINIERI: TESTA CALCIATA COME PALLONE

Prima colpito con un calcio dai fratelli Bianchi. Poi, mentre tentava di rialzarsi, ancora calci e pugni da Mario Pincarelli e Francesco Belleggia, con quest’ultimo che gli ha sferrato un calcio alla testa come se fosse un pallone. Il 21enne Willy Monteiro Duarte è morto così la notte dello scorso 6 settembre a Colleferro. La dinamica è stata raccontata dal comandante del nucleo Radiomobile dei Carabinieri di Colleferro al processo in corso in Corte d’Assise a Frosinone. “Un’azione fulminea, veloce e molto aggressiva durata 1 minuto e 25 secondi”, ha detto il tenente Roccazzello durante la sua deposizione.

VALLE SACCO, MEDICI FAMIGLIA CONTRO INQUINAMENTO: QUI CATASTROFE

Tumori, asma, malattie cardiovascolari e danni riproduttivi. Sono tutti i danni causati dall’inquinamento da polveri sottili nella popolazione della Valle del Sacco e che hanno portato l’Associazione Medici di Famiglia per l’Ambiente di Frosinone e Provincia a scrivere a inizio giugno una lettera-ultimatum ai ministri della Transizione Ecologica, Roberto Cingolani, e della Salute, Roberto Speranza. “Molti danni alla salute si possono evitare attraverso la conoscenza dei momenti più critici delle alte concentrazioni di polveri sottili- ha detto la dottoressa Teresa Petricca- e per la prima volta è possibile moltiplicare i rilevamenti territoriali”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»