A Napoli lavoratori Whirlpool in catene contro l’immobilismo del governo

Gli operai dello stabilimenti di via Argine si sono quindi recati in strada per un corteo di protesta
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI –  I lavoratori della Whirlpool di Napoli si sono incontrati stamattina fuori allo stabilimento dell’azienda in via Argine per “incatenarsi” simbolicamente tra di loro, denunciando l’assenza del governo rispetto alla vertenza. Gli operai si sono quindi recati in strada per un corteo di protesta.

“Le catene – ha spiegato Vincenzo Accurso, dipendente Whirlpool ed Rsu della Uil – rappresentano l’immobilismo del governo che non permette di sbloccare questa situazione di prigionia dovuta alla scelta dell’azienda. Catene che bloccano il futuro degli italiani, fermano il Sud, il Mezzogiorno. Il lavoro ci aiuti ad uscire dalla crisi post Covid”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»