VIDEO | De Luca: “Di usurato Salvini ha il fattore ‘c’, quello della fortuna”

Spiega così il governatore campano la frase "ha la faccia come il fondoschiena, peraltro usurato" che aveva detto durante una diretta Facebook riferendosi al leader della Lega
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print


ARZANO – In politica c’é un fattore che si chiama fattore ‘c’, é il fattore della fortuna. “Fondoschiena usurato” significa che nel giro di un anno hai perduto il 10% dei voti dalle elezioni europee ad oggi. Altre interpretazioni mitico allegoriche appartengono a chi le fa, non a me”. Così, a margine di un’iniziativa ad Arzano (Napoli), il governatore della Campania Vincenzo De Luca in merito alle parole usate nei confronti del leader della Lega Matteo Salvini.

Il presidente della giunta, in una delle sue consuete dirette Facebook, aveva detto che l’ex ministro dell’Interno “ha la faccia come il fondoschiena, peraltro usurato”. “Io ho semplicemente detto che quando uno fa cose in violazione delle norme, e poi fa il moralista, ha la faccia di bronzo e mi pare che sia normale dirlo. L’usura – ha spiegato De Luca – riguarda la consumazione della fortuna, del fattore ‘c’. In un anno hai perduto il 10%, e l’usura credo sia quella. Inviterei tutti a limitarsi alle parole dette”.

LEGGI ANCHE: VIDEO | Coppa Italia, De Luca: “Salvini torna a ragliare, razzismo incancellabile”

DE LUCA: “SE HO ALZATO I TONI? NO, ALTRI DOVREBBERO TACERE”

“Credo proprio di no”, risponde il governatore della Campania Vincenzo De Luca ai giornalisti che gli hanno chiesto se, in una delle sue consuete dirette Facebook, non avesse usato toni eccessi e volgari. “Se dovessimo fare l’esame dei toni utilizzati da alcuni esponenti politici contro i meridionali e contro i napoletani – aggiunge riferendosi a Matteo Salvini – potremmo parlare per un anno intero. Mi sono limitato a fare delle osservazioni estremamente ragionevoli”. Per De Luca, “se tu strumentalizzi una festa che fanno gli sportivi, a mezzanotte, dopo che hai organizzato dieci giorni prima una manifestazione a Roma in violazione di tutte le norme di sicurezza, credo che un motivo elementare di coerenza e di correttezza dovrebbe spingerti a tacere. Non e’ possibile tollerare strumentalizzazioni: si fa una festa in piazza con i tifosi, che c’entra la Regione? Non c’entra niente. Il tempo di questo sciacallaggio e di questa demagogia – aggiunge il governatore – e’ finito soprattutto in Campania. Oggi la Campania cammina a testa alta in Italia e ho solo ricordato a tutti quanti che noi siamo persone civili”.

SALVINI: “CROZZA FA RIDERE PERCHÉ È UN GENIO, DE LUCA NO”

De Luca a parole e’ un campione, pero’ chiedete ai campani sulla questione rifiuti. Ci sono ancora centinaia di milioni di ecoballe per le strade, nei depositi campani. Un governo si occupa di sanita’, rifiuti e viabilita’. Chiamate a caso un cittadino di Napoli o di Salerno e chiedetegli quanti ospedali sono stati chiusi e quanti rifiuti sono stati tolti”. Lo dice Matteo Salvini a radio Cusano Campus.

“Io tifo per la pandemia? E’ un poverino– continua-, e’ una settimana che mi insulta, cosa gli vuoi rispondere? Io da ministro dell’interno non guardavo ai colori politici e per la Campania abbiamo investito in uomini, mezzi, piu’ di quanto abbiamo investito in altre regioni. Probabilmente anche De Luca ha capito che alla terza, alla quarta, alla quinta battuta la gente ride, alla sesta si incazza, perche’ oggi i problemi sono la cassa integrazione e i soldi alle imprese che non arrivano. Poi Crozza continua a far ridere perche’ e’ un genio, De Luca no. Vedremo poi alle prossime elezioni regionali chi vincera’, vedremo se la gente lo rivotera’”. 

LEGGI ANCHE: VIDEO | De Luca: “Salvini porta seccia sul ritorno dell’epidemia in Campania”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

23 Giugno 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»