Le scuse di Eton allo scrittore nigeriano 50 anni dopo

Scrisse un libro per denunciare gli episodi di razzismo di cui era stato vittima nel prestigioso college britannico e ne venne bandito
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Dillibe Onyeama_copertina libro ROMA – Scuse ufficiali e l’impegno a fare “molto di più” per combattere il razzismo: la promessa è del rettore di Eton, uno dei college più antichi del Regno Unito. Il destinatario è Dillibe Onyeama: scrittore nigeriano, è stato il primo studente nero a concludere i suoi studi nell’istituto. Diplomato nel 1969, tre anni più tardi scrisse un libro nel quale raccontava del razzismo e dei sistematici pregiudizi vissuti durante gli anni del liceo. Poco dopo ricevette una lettera: era bandito a vita dal visitare la sua ex scuola. Adesso però sono arrivate le scuse. Sentito dall’emittente britannica Bbc, il rettore Simon Henderson ha sottolineato che da allora l’istituto ha fatto “passi avanti” ma che va riconosciuto, “ora che in tanti alzano la loro voce contro il razzismo”, che c’è “ancora molto da fare”. Il riferimento è alla mobilitazione internazionale contro il pregiudizio razziale, innescata negli Stati Uniti a maggio dall’uccisione di George Floyd e ormai diffusa in tutto il mondo. Lo scrittore nigeriano ha commentato dicendo che le scuse “non erano necessarie”. Onyeama però ha anche sottolineato che le parole del rettore “evidenziano che il pregiudizio su base razziale disumanizza le vittime più di quanto facciano altre tipologie di pregiudizio”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»